Sei qui: Home » Copertina » Da Monza segnali del “vero” Cerci

Da Monza segnali del “vero” Cerci

Sinisa Mihajlovic chiedeva risposte. E dalla gara contro il Monza ha ottenuto qualche primo riscontro. Soprattutto da chi finora è stato impiegato meno di altri. E nel novero di questi giocatori rientra senz’altro Alessio Cerci, seconda punta nel primo tempo al fianco di Luiz Adriano, ala destra nella ripresa.

La Gazzetta dello Sport di oggi ha, di fatto, “incoronato” l’ex granata come uno dei migliori in campo. Merito non solo del gol “pescato” con un sinistro a giro da fuori area, ma anche di tante buone giocate frutto di una condizione atletica migliore rispetto alle prime settimane della stagione. E per lui poteva chiudersi ancora meglio, visto il palo centrato nella ripresa.

LEGGI ANCHE:  Ibrahimovic carica il Derby: "Fischi dai tifosi dell'Inter? Godo, mi caricano"

Con il cambio di modulo e il passaggio al 4-4-2, Mihajlovic potrebbe ora prendere maggiormente in considerazione l’esterno arrivato lo scorso gennaio dall’Atletico Madrid. Da quel momento, infatti, Cerci non ha mai trovato una sua dimensione nella squadra rossonera, complice un generale clima di negatività. Chissà che la sua stella non torni a splendere proprio contro gli ex compagni del Torino alla ripresa dopo la sosta di questa domenica.