Gazzetta, Bianchessi a 360 gradi: "Donnarumma unico, Calabria può ancora migliorare. Braida mi ha "cresciuto", Galliani fenomeno"

Gazzetta, Bianchessi a 360 gradi: “Donnarumma unico, Calabria può ancora migliorare. Braida mi ha “cresciuto”, Galliani fenomeno”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Cinquant’anni, ventotto di calcio giovanile, attuale responsabile dell’attività di base del Milan. Dagli occhi e dall’intuizione di Mauro Bianchessi sono passati tanti talenti di marca rossonera. Non ultimi, Gianluigi Donnarumma e Davide Calabria, oggi in Prima Squadra e recenti protagonisti del Trofeo Berlusconi.

Bianchessi, come funziona il sistema di scouting rossonero?
Abbiamo dieci osservatori in Lombardia, otto fuori regione e tanti segnalatori che ci permettono di essere presenti sempre e ovunque. Poi servono un’organizzazione capillare e occhio, per vedere oltre. Dove gli altri non vedono“.

Come funziona l’attività di base?
Diciamo che è come le fondamenta per una casa. Dai ragazzini di 8 anni, cominciamo a costruire le squadre del settore giovanile che verranno implementate da nuovi giocatori, fino ai Giovanissimi: se il lavoro è fatto bene, arrivano tutti in Primavera senza ulteriori inserimenti. La rosa in mano a Brocchi è composta per il 98% da giocatori provenienti dall’attività di base“.

Bonifacio, Favini, Braida: quali consigli ha ereditato dai suoi maestri?
Nei 15 anni trascorsi all’Atalanta, da Bonifacio ho appreso proprio le basi della ricerca e da Favini la gestione delle risorse umane. Braida, grande uomo e conoscitore di calcio mondiale, mi ha completato a livello tecnico. Non dimentichiamo Galliani, fenomeno manageriale di livello assoluto“.

Quanto il Modello Milan influenza la ricerca di giovani talenti?
È un lavoro particolareggiato, con il solo obiettivo di far crescere calciatori per portarli nel calcio che conta. Il responsabile del settore Galli e il coordinatore Zanoli seguono costantemente il progetto: stanno facendo un grande lavoro“.

Crede che il Vismara incida sull’efficienza del settore?
Il nostro centro è fantastico, unico in Italia. Abbiamo tutto sotto controllo con grande efficienza e organizzazione, grazie anche al lavoro della dottoressa Costa“.

Intanto Donnarumma sta prendendo il volo…
Vi garantisco che “Gigio” (diminutivo di Gianluigi, ndr) è unico. Ha debuttato all’Alianz Arena a 16 anni con 80mila persone sbagliando nulla, come se stesse giocando al campetto di Castellamare di Stabia dove l’ho pescato due anni fa. È un ragazzo umile e serio: sarà il futuro del Milan e del calcio italiano“.

E Calabria?
L’ho conosciuto quando aveva 11 anni, era centrocampista all’Adrense. Abitava a cento chilometri dal Vismara e, in otto anni di settore giovanile, non si è mai lamentato una volta per la strada o per la fatica. Ha una bellissima famiglia che non ha mai fatto pressioni su nulla. Sono felice per lui, ma vi dico che può migliorare ancora tanto“.

Capitolo Primavera: crede che sull’inizio ad handicap pesi la responsabilità che si porta dietro da anni la classe dorata dei 1998?
Con una rosa giovanissima, ma con un bravo allenatore come Brocchi, la Primavera centrerà sicuramente la qualificazione alle fasi finali e preparerà qualche giocatore per la prima squadra. Finalmente in prima squadra abbiamo un allenatore, Mihajlovic, che non guarda la carta d’identità, ma fa giocare chi è più bravo“.

(Fonte: Gazzetta dello Sport – Milano & Lombardia – Foto: Buzzi)

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy