È il miglior Cerci in rossonero: si è preso i fischi, ora il posto fisso. Miha sta vincendo la scommessa

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Nettamente la sua versione migliore in rossonero, un giocatore nuovo e, almeno questa è la speranza, ritrovato. Dopo Milan-Sassuolo sembra essere cambiata la vita di Alessio Cerci, racconta La Gazetta dello Sport, dopo una prestazione molto brillante e fondamentale negli episodi chiave (assist prima del rigore di Bacca, angolo conquistato sul gol-vittoria di Luiz Adriano). Incredibile la parola discendente del talento azzurro, sorprendente come sia tornato a fare la differenza in Serie A.

Il recente passato del giocatore vale un giro sulle montagne russe, con la società di via Aldo Rossi che lo segue nell’estate 2014 e quasi lo pedina nell’inverno 2015, su precisa richiesta di Inzaghi. Alla fine arriva in prestito fino a giugno 2016 (in cambio di Torres), beffando le avance dell’Inter di Mancini, ma Pippo si accorge subito dei limiti caratteriali dell’ex Torino e di fatto lo relega sempre e solo alla panchina. Nove mesi anonimi e senza acuti, poi la coraggioso conferma di Mihajlovic, in mezzo a tante voci di cessione, capace di pazientare e tenerlo in caldo. Mossa azzeccata, perché dallo scorso 17 ottobre (la sfida di Torino), l’attaccante sembra rinato. Soprattutto non è più uscito dal campo.

Domenica ha fatto vedere ottimi guizzi e belle giocate sulla fascia destra, tanto da sentire i primi timidi applausi di San Siro, e domani verrà sicuramente confermato titolare (terza volta di fila, mai successo). L’”esplosione” grazie al cambio di modulo, il 4-3-3, nonostante abbia nelle corse anche il 4-4-2. L’esame Chievo sarà decisivo proprio per comprendere la vera dimensione del ragazzo.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook