Chievo: intensità, inserimenti e Paloschi, ma la difesa...

Chievo: intensità, inserimenti e Paloschi, ma la difesa…

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Ancora una gara interna per il Milan che, mercoledì sera, affronterà il Chievo di Maran nell’incontro valido per la decima giornata di campionato. I gialloblù sono una squadra ostica e organizzata che, malgrado sia reduce da due sconfitte consecutive e non centri i tre punti dal 23 settembre, sta disputando prove di ottimo livello, è in grado di metterci in difficoltà e di disputare una partita caratterizzata da grinta, fisicità, tatticismi difensivi ben applicati, intensità, inserimenti e azioni di rimessa.

Punti di forza: il rombo di centrocampo; le ripartenze.
In mediana, i clivensi dispongono di corridori aggressivi ed esperti, bravi a dosare le energie e ad assicurare interdizione, filtro, protezione alla difesa, contrasti, dinamismo e incursioni tra le linee. Mentre il regista è capace di garantire sostanza ed efficacia in entrambe le fasi, gli interni di centrocampo, oltre a fare densità con regolarità e a recuperare un buon numero di palloni, sanno effettuare rapide inserimenti nelle aree avversarie e avviare azioni di rimessa. Azioni di rimessa che potrebbero poi essere sfruttate al meglio dal trequartista, Valter Birsa, dotato di senso del gioco, tecnica e personalità, e dalle due punte, che dovrebbero essere Alberto Paloschi e Riccardo Meggiorini, che si completano a vicenda e che dispongono delle caratteristiche giuste per impensierire la difesa rossonera.

Punti deboli: la retroguardia.
Il tallone d’Achille di un Chievo coriaceo e compatto è di certo il pacchetto arretrato. La retroguardia veneta, qualora non fosse ben protetta dal centrocampo, potrebbe andare in affanno a più riprese e commettere sbavature che possano compromettere l’esito dell’incontro. La coppia centrale, che dovrebbe essere composta da Cesar e Gamberini, dispone di esperienza e senso della posizione, ma a volte pecca in mobilità e rapidità nello stretto e non sempre è puntuale nelle marcature. Ecco allora che, se Bacca fosse in serata, la il tandem centrale arretrato gialloblù potrebbe sbandare con regolarità. Discorso simile va fatto per i difensori laterali, che dovrebbero essere Cacciatore e Gobbi, che non sempre sono puntuali in fase di non possesso, tanto da poter essere superabili senza troppi problemi, e che, in fase di spinta, non dovrebbero risultare pericolosi.

Giocatore chiave: Alberto Paloschi.
Prima punta rapace, dotata di senso del gol e di intelligenza nei movimenti, Alberto Paloschi potrebbe essere l’uomo in più a disposizione di Maran. Abile nel trovare la via della rete, rapido e forte di testa, nonché in possesso di opportunismo e senso del gol, qualora la coppia centrale del Milan incappasse in distrazioni e non scendesse in campo con la giusta concentrazione, il bomber clivense potrebbe imprimere la propria griffe sull’incontro.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy