Dimmi chi sono Capitano e Vice, e ti dirò chi sei

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Fabrizio Villa collabora con SpazioMilan.it da settembre 2011, dopo esser stato realizzatore nel 2010 per Sky Sport. E’ opinionista a “Milan Time”, un’ora di notizie rossonere nel palinsesto pomeridiano di Radio Milan Inter (96.1 FM e canale 288 del DTT).

Ciò che ragionevolmente un tifoso è disposto ad accettare, è che poco dopo l’equinozio d’autunno, la propria squadra non abbia ancora una precisa identità tattica, che il nuovo allenatore non abbia ancora individuato un undici titolare, che la tenuta atletica non sia ottimale e che l’andamento dei risultati sia ondivago anziché no, per una, dieci, cento, mille motivazioni differenti.

Quel che un tifoso fatica a metabolizzare, è che la suddetta squadra, non sia in grado di farsi rispettare -nel senso sportivo del termine- dagli avversari e dal direttore di gara, per un approccio innanzitutto psicologico inadatto. Questa è la vera grande mancanza di Genova. Prima della sconfitta, prima delle occasioni del pareggio sbagliate 10 contro 11, prima del gol preso da Dzemaili su punizione(!).

Prima! Prima c’è un gruppo di uomini che non è stato in grado di reagire. Nel caso del Diavolo l’aggravante è che si è recidivanti da anni sotto questo aspetto. Non si è mai percepita la forza, la convinzione, la voglia di ribaltare l’andamento della gara. Nonostante la partita abbia offerto ai rossoneri un numero spropositato di situazioni ‘provocanti’, la risposta è stata nulla.

Questo è davvero preoccupante. Lo è perché testimonia come non basti un colonnello in panchina per far diventare leoni i giocatori. Non basti portar la fascia al braccio per poter avere anche un minimo d’ascendente nei confronti dell’arbitro. Non basti chiamarsi Milan per affermare che ‘dobbiamo tornare dove ci spetta’.

Per esser amati, sostenuti a pieno e raggiungere chissà un insperato terzo posto, i Ragazzi devono dimostrare in primis a loro stessi che credono in quel che fanno. Altrimenti la stagione ci mette un attimo a diventare anonima. E come lo spieghi a fine anno, che 90 milioni d’investimenti non hanno portato un miglioramento oggettivo?

Twitter: @fabryvilla84

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook