Primavera, si può dare di più

Primavera, si può dare di più

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

E’ il febbraio del 1987 quando tre giovani Umberto Tozzi, Enrico Ruggeri e Gianni Morandi, dopo l’esperienza nella Nazionale Cantanti, decidono di cantare “Si può dare di più” nell’edizione del festival di Sanremo di quell’anno. L’impatto della canzone è straordinario, colpisce tutti indistintamente e sprona chiunque a fare quel passo in più per raggiungere il proprio obiettivo, a non mollare mai, a continuare a combattere e lottare per qualcosa di più grande. Ecco, la Primavera di Brocchi deve ritrovare esattamente questo sentimento.

Le potenzialità le conosciamo tutti. Anche i valori tecnici, altissimi, sono proprio sotto i nostri occhi. E allora cosa manca alla squadra rossonera per tornare ad essere quel rullo compressore che un anno fa, in autunno, ingranò la marcia decisiva e volò poi alle Final Eight anche con qualche turno d’anticipo? L’inizio in campionato della formazione Primavera non è stato dei migliori: il gruppo è praticamente nuovo, verissimo, sono arrivati i classe ’98 (descritti da tutti come la nuova leva calcistica italiana, ma mister Brocchi ha sempre predicato calma), altrettanto vero, però i numeri per adesso dicono altro: due vittorie in cinque giornate, sei punti in campionato e quattro di distacco dalla zona play-off, dodici gol subiti quattordici fatti. Una cosa è certa: quando si vede giocare la Primavera del Milan, lo spettacolo e le emozioni non mancano mai. Anche se lo stesso Brocchi è consapevole del momento della squadra: “Siamo mancati dal punto di vista caratteriale – ha detto il tecnico rossonero dopo l’ultima sconfitta contro il Chievo –. Siamo una squadra che continua a giocare in maniera altalenante, abbiamo tanti interpreti che non sono ancora pronti a livello mentale”.

E Le parole di Filippo Galli, sempre dopo la trasferta di Verona, sono nello stesso verso: “Abbiamo bisogno di stare insieme e preparare le partite in tutta la settimana. Se la partita fosse stata persa per stanchezza o un errore tecnico, sarebbe diverso. Quello che dispiace è che l’atteggiamento iniziale non fosse stato dei migliori”, ha detto il responsabile del settore giovanile rossonero. L’avvertimento è chiaro: grandi talenti, ma si può fare di più. Esattamente come cantavano quei tre là quasi trent’anni fa.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy