Bacca, tocca al Milan proteggerlo

bacca 3 milan-verona (spaziomilan)
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Quando la scorsa estate il Milan ha speso 30 milioni di euro per acquistare Carlos Bacca dal Siviglia, in molti avranno storto il naso. Saranno sembrati troppi per un ventottenne con solo due stagioni ad alto livello in Spagna e una in Belgio nel Bruges alle spalle: le reti segnate erano comunque tante, circa ottanta, ma la Serie A è sempre la Serie A. In molti si sbagliavano visto l’inizio di stagione del colombiano: otto reti in campionato e una in Coppa Italia per lui, con una media di quasi un gol ogni due gare giocate. Il 2015 del numero 70 rossonero non poteva chiudersi meglio date le reti nelle ultime tre partite disputate: Hellas Verona, Sampdoria e Frosinone.

Detto ciò, sono doverose delle raccomandazioni visti i lunghi periodi senza gol come a cavallo tra settembre ed ottobre e tutto il mese di novembre. Se volessimo valutare la stagione di Bacca, potremmo dargli un 7-: il segno meno è solo per spronarlo a fare meglio e lavorare più intensamente sulla continuità. Se il Milan vuole tornare grande, deve passare anche dal colombiano. Sinisa Mihajlovic deve però aiutarlo affiancandogli un giocatore affidabile quanto lui e che possa supportarlo nei momenti in cui sembra fare più fatica. Finora si sono alternati Balotelli, Luiz Adriano e Niang, ma mai nessuno di fisso. I rossoneri non hanno una coppia gol titolare e alla lunga potrebbero anche pagare la mancanza.

Difficile che il Milan, nella sessione invernale di calciomercato, possa acquistare una punta da affiancare a Bacca, anche perché a breve recupereranno Balotelli e Menez che potrebbero essere un aiuto valido per il reparto avanzato del Diavolo. L’attacco rossonero è potenzialmente una macchina da gol, deve solo mettersi in moto nel modo giusto. Non avrebbe proprio nulla da invidiare alle prime della classe, anche se nella prima parte di stagione ha spesso fatto una gran fatica. Ovviamente la squadra deve giocare di più sulle punte, problema che aveva anche Filippo Inzaghi lo scorso anno. La speranza è che Mihajlovic riesca a comunicarlo alla squadra.