Miha, sospiro di sollievo grazie a Niang. E panchina più solida

mihajlovic 2 milan-verona (spaziomilan)
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Doveva essere la partita decisiva e, in un certo senso, lo è stata. La sfida tra Sampdoria e Milan decideva molto più del “semplice” passaggio del turno in Coppa Italia. Il destino di Mihajlovic, infatti, era legato a doppio nodo al risultato del match: una sconfitta avrebbe minato ulteriormente le certezze del serbo. L’ex tecnico doriano, in quello che è stato, fino a maggio, il “suo” stadio, non è stato certo ben accolto: fischi ed insulti sono piovuti dagli spalti, con i tifosi che hanno dimostrato di aver già dimenticato gli ottimi risultati ottenuti dall’allenatore alla guida della Samp.

Una vittoria, quella firmata da Niang e Bacca, che riporta un pò di sereno in casa Milan. Soprattutto il franncese, autore di una prova molto convincente, ha siglato il gol che ha indirizzato il match ed è stato abbracciato calorosamente dal tecnico serbo alla fine del match. Niang, poi, come riporta oggi La Gazzetta dello Sport, ha rincarato la dose schierandosi apertamente con il mister: “Le critiche al mister sono ingiuste, lui non ha colpe visto che in campo ci andiamo noi“.

L’allenatore rossonero, quindi, può respirare e godersi un tabellone di Coppa Italia che sembra favorire l’approdo del Milan in finale. La Coppa Italia potrebbe rivelarsi la via più semplice per raggiungere l’Europa. Un vero e proprio assist per Mihajlovic che, nonostante non goda più di fiducia assoluta in via Aldo Rossi, è riuscito a rimettere in sesto la situazione con il rimedio più efficace: la vittoria. Ora, come detto dallo stesso tecnico nel post gara di Marassi, testa al Frosinone: una vittoria garantirebbe al serbo, ed a tutta la squadra, una sosta natalizia serena con la speranza che l’anno nuovo porti più soddisfazioni del 2015.