Nesta: “Lazio e Milan nel cuore, ma adesso penso solo al Miami FC. Potevo andare al Real Madrid ma…”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Intervistato da Yahoo Alessandro Nesta ho rilasciato qualche dichiarazione interessante e qualche aneddoto sul suo passato da giocatore, sul Milan attuale e sulla sua prossima avventura da allenatore alla guida dei neonati Miami FC.

Sui motivi che lo hanno spinto a fare il mister della squadra americana che parteciperà alla NASL: “Innanzitutto perché vivo qui ormai da tre anni. Appena ho smesso di giocare sono venuto a Miami. Da anni stavo a casa senza far niente. Riccardo Silva, il proprietario del club, mi ha chiesto se volevo fare l’allenatore e ho accettato perché la trovo una cosa molto interessante“. Il modello a cui si ispira come tecnico non può che essere uno: “Carlo Ancelotti. L’ho avuto per otto anni, abbiamo vinto tanto insieme, credo che interpreti bene il ruolo dell’allenatore“. Alla domanda se attualmente allenerebbe Lazio o Milan risponde: “Troppo stressante, per adesso penso al Miami. Poi il momento non è buono da nessuna delle due parti. Le ho tutte e due nel cuore, ma ho fatto la scelta di vivere in America e credo che qui vada bene per iniziare“.

Su chi fu il suo punto di riferimento quando iniziò dice:  “Chamot alla Lazio per me era il migliore, mi aiutò quando iniziai a giocare con i grandi e mi ha insegnato molto“. Mentre su chi rileverà la sua eredità non ha dubbi: “Faccio il tifo per Alessio Romagnoli che gioca nel Milan, è stato pagato tanti soldi e speriamo che diventi una colonna della nazionale“.

Un aneddoto sul suo passato: “C’è stata l’occasione di andare al Real Madrid, ma quando ero alla Lazio io volevo rimanere lì tutta la vita e rifiutai. Per  me il calcio era la Lazio, ma poi ci sono stati problemi economici e mi hanno venduto, sennò sarei rimasto per sempre“.