SM SONDAGGIO/ Mexes nel derby cinese segna il gol dell’anno

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Talmente unico che sembra ancora vicino. E invece, ieri, sono passati cinque mesi esatti dalla prodezza di Mexes a Shenzen. Il famoso destro al volo di fine luglio è stato votato dai lettori di SpazioMilan.it come il gol più bello del 2015, primo senza rivali e destinato a rimanere un pezzo di storia per diversi anni. Le risposte al sondaggio si sono completamente ammassate sull’opzione appena ricordata, premiando il miglior gesto tecnico realizzato in questi dodici mesi.

Una rete da urlo, inaspettata in quel momento e soprattutto in quel modo quando al 17′ della ripresa del derby stagionale numero uno il difensore, sull’angolo di Bonaventura, ha esploso un tiro imparabile, mix invidiabile di qualità e coraggio. Impatto nel cuore esatto del pallone, traiettoria a scendere e ragnatele sul palo opposto (difeso da Carrizo) spazzate via. È bastato e avanzato il francese per firmare l’elegante vittoria nell’esordio rossonero all’International Champions Cup in Cina e battere l’Inter di Mancini. Magra consolazione a posteriori vedendo l’opposto responso della stracittadina in campionato, la classifica generale e il momento del Diavolo. Di fatto i seguaci di SM, fra il nostro gruppo e la pagina di Facebook, si sono fermati appena al di sotto del 100% rispetto al totale, lasciando le briciole a livello percentuale ad altri due sigilli in gara: il favoloso tacco di Menez a Parma e il fulmine dalla distanza sempre di Philippe in Milan-Genoa (lo scorso aprile, 1-3 a San Siro).

Il simpatico calcio sul sedere di Mihajlovic dopo l’esultanza di Mexes insieme ai compagni sembrava poter rappresentare l’inizio di un rapporto più “amichevole” fra loro, invece l’allenatore non ha mai considerato il 33enne un punto fermo né di forza. Rimane comunque uno dei leader caratteriali nello spogliatoio. Al suo posto gioca sempre Alex, costringendolo a digerire troppe panchine e a riflettere sul possibile addio a gennaio dopo il rinnovo (annuale) di contratto.