Alessandria: ripartenze, entusiasmo e Bocalon, ma sul lungo andare…

Gli avversari
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Questa sera, in occasione della semifinale d’andata di Coppa Italia, il Milan affronterà l’Alessandria all’Olimpico di Torino. I girigiorossi sono una squadra compatta e pericolosa che, pur militando in Lega Pro, ha dimostrato di poter mettere in difficoltà qualsiasi avversario e di potere dire la sua contro chiunque. Gli uomini di Angelo Gregucci, che occupano la seconda posizione della terza serie italiana, in TIM Cup, sono stati infatti autori di un cammino a dir poco stupefacente ed esaltante, tanto da avere eliminato con merito, giocando in trasferta, lo Spezia, il Genoa e il Palermo.

Punti di forza: le ripartenze; Bocalon e Vannucchi.
I piemontesi, che si schiereranno con un 4-3-3, scenderanno di certo in campo con grinta ed entusiasmo, cercheranno di metterla sull’intensità e sull’aggressività, proveranno a chiudersi al meglio, a tappare tutte le falle della mediana, a non concedere il minimo spazio, a rimanere corti e a mettere in scena efficaci azioni di rimessa. Insomma, l’Alessandria tenterà di gettare il cuore oltre l’ostacolo e di inscenare una performance al di sopra delle proprie potenzialità e farà il possibile per non subire palle gol e concretizzare a dovere le occasioni a propria disposizione. In merito, importanti potrebbero essere Riccardo Bocalon, centravanti in grado di creare grattacapi alla difesa rossonera, e Gianmarco Vannucchi, portiere capace di sfornare interventi straordinari.

Punti deboli: il centrocampo e la difesa.
Sotto l’aspetto tecnico, tattico e qualitativo, gli uomini di Gregucci manifestano evidenti problemi. Sul lungo andare, infatti, gli interni di centrocampo dell’Alessandria potrebbero terminare le energie, non riuscire a fare filtro, dimostrare gravi lacune in merito alla comprensione dello sviluppo delle azioni e al senso del gioco e non proteggere a dovere la retroguardia. Dal canto suo, la difesa è composta da laterali che faticano in fase di non possesso, specie se puntati con decisione, e da centrali che, contro punte di alto livello, potrebbero soccombere senza opporre la minima resistenza. Ecco allora che, qualora il Milan non sottovalutasse la situazione e giocasse con la giusta concentrazione, i grigiorossi potrebbero essere sconfitti con relativa facilità.

Giocatore chiave: Massimo Loviso.
Centrocampista arretrato esperto, che in passato ha militato anche in Serie A, Loviso è un playmaker dotato di una discreta dose di fosforo e di un senso della posizione nel complesso accettabile: se fosse in serata, fungesse da allenatore in campo, tenesse coesi i reparti e alternasse in maniera soddisfacente le due fasi, l’Alessandria potrebbe rimanere a galla e giocarsela fino alla fine.