Lavagna tattica: la Fiorentina di Sousa

Paulo Sousa
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Altro giro, altro esame. La parola “tranquillità” non esiste nel vocabolario degli allenatori, instabili per eccellenza e per mestiere, ma Sinisa Mihajlovic sta spingendo al massimo il ruolo di precario della panchina. Il suo Milan, dopo la trasferta di Roma e il quarto di finale con il Carpi, è chiamato a dare ancora risposte precise: il presidente Berlusconi non è convinto e medita di cambiare guida tecnica. Il serbo è sempre sotto stretta osservazione: sbagliare è proibito. E domani, a San Siro, il Diavolo giocherà una super gara contro la bella e sorprendente Fiorentina di Sousa. Quarta in classifica, a -3 punti dal Napoli campione d’inverno, la Viola ha il secondo attacco e la quinta difesa della Serie A, ma soprattutto ha il miglior possesso palla del torneo (58,7% in totale): un dato che dice molto sulla natura e sulle caratteristiche della compagine toscana.

Dunque: che aspettarsi dalla Fiorentina? Paulo Sousa è un allenatore estremamente capace e imprevedibile, ma sembra difficile che possa presentare novità significative nell’atteggiamento e nel modo di giocare della propria “creatura” visto in stagione. È lecito attendersi una Viola che verrà al “Meazza” per cercare di dominare e imporre il proprio gioco, sfruttando al meglio tutte le doti dei singoli giocatori per esaltare un eccellente collettivo. Le parole d’ordine del match saranno possesso palla, verticalizzazioni e pressing: i sousiani cercheranno di avere il pallino del gioco in ogni momento della gara, governando in fase di possesso con la qualità dei vari Borja Valero, Ilicic e Mati e tentando di recuperare il pallone con una pressione “alta”. Fondamentale, inoltre, sarà anche il movimento senza palla di esterni, mezzali, trequartisti e punta centrale e l’elasticità degli interpreti: altre chiavi del successo viola per sfruttare al meglio la verticalità di Kalinic e per cambiare veste tattica a seconda delle esigenze. Il modulo base è il 3-4-2-1, ma è lecito aspettarsi che possa vedersi in corso d’opera una linea difensiva a quattro.

Milan-Fiorentina, sulla carta, sembra gara decisamente ostica per Bacca e compagni. Ma attenzione: i rossoneri hanno più di un problema, non c’è dubbio, ma anche per gli avversari non è un momento particolarmente florido. Innanzitutto Sousa dovrà rinunciare a due uomini fondamentali del suo “11”: Gonzalo Rodriguez e Badelj. Mancheranno riferimento tecnici e caratteriali importanti della spina dorsale viola: il capitano-leader della retroguardia e il metronomo della mediana. In più, la Fiorentina ha dimostrato di soffrire difese particolarmente arroccate. Roma e Lazio al “Franchi” sono due esempi calzanti: le due romane si sono chiuse e ripartite negli spazi con profitto, tornando a casa a bottino pieno. E Mihajlovic, con il tandem di velocisti Bacca-Niang, potrà creare più di un problema. A patto, però, che il Milan non rinunci totalmente a fare la gara. Lo impongono DNA e storia del club, ma soprattutto la necessità di affrontare avversari di caratura superiore con personalità: l’andata, monologo assoluto di Borja Valero e soci, è un precedente da cui imparare. Serviranno solidità difensiva e concretezza sotto porta, ma soprattutto tecnica, carattere e attenzione. Insomma: servirà una partita “da Milan”.