Bacca e Niang, la cronaca di un piccolo flop prevedibile. Ecco perché

Bacca e Niang, la cronaca di un piccolo flop prevedibile. Ecco perché

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Male Bacca, malissimo Niang. Il Milan batte il Torino, si porta a -6 dal terzo posto (centrando il 9° risultato utile consecutivo) e conferma sempre più di essere diventato una squadra tosta e solida. Ma nella bagnata serata di San Siro, al netto dell’ennesima buona prestazione collettiva, c’è un neo evidente: le punte hanno steccato. Se a Napoli hanno pagato una gara totalmente difensiva, volta a contenere l’esplosivo attacco partenopeo, contro i granata Bacca è rimasto avulso dal gioco e dalla manovra, concludendo a rete solo in occasione del suo gol annullato per offside, mentre Niang si è mostrato fumoso, impalpabile e anche nervoso. Se in ottica Milan-Torino va benissimo così, con il secondo (pesante) gol in campionato di Antonelli a decidere il match, il focus è proiettato verso i prossimi impegni: l’involuzione degli attaccanti titolari deve preoccupare Mihajlovic?

La risposta è no. O perlomeno, non in questo momento e con queste premesse. Partiamo da un dato: Bacca e Niang sono una coppia micidiale per una squadra che punti tutto sulle ripartenze. Il francese qualche metro più indietro con compiti di raccordo e il Peluca spietato terminale offensivo formano un mix di velocità e classe che ha fatto spesso le fortune rossonere. Ma contro Napoli e Torino il loro flop era ampiamente preventivabile e comprensibile. La “natura” del match del San Paolo, in cui il Diavolo avrebbe subito passivamente gli azzurri, ha di fatto condotto le punte a un isolamento forzato, mentre ieri Ventura ha schierato una squadra compatta, con due linee vicine e Immobile-Belotti a sfruttare la loro esplosività negli spazi: trovare campo da aggredire, per Bacca e Niang, è stato decisamente difficile.

Dunque: il fiasco dell’attacco titolare rossonero non deve preoccupare. Anche perché uno scadimento di forma dopo quasi tre mesi ad alto livello, per Bacca e Niang, è più che fisiologico. Gare bloccate come Milan-Torino necessitano di abilità (e fortuna) nel rompere l’equilibrio, con il colpo di un singolo o con un calcio piazzato, e una solida fase difensiva che eviti di subire gol: giocate non propriamente nelle corde del transalpino e dell’ex Siviglia, che hanno bisogno di metri e di rifornimenti per esprimersi al meglio. Le prossime gare del Milan, in questo senso, potranno essere più adatte alle qualità di entrambi: tre trasferte (Sassuolo, Chievo e Atalanta) e una gara casalinga contro una Lazio disposta a concedere qualcosa pur di imporre il proprio gioco. Altrimenti, sarà tempo dei “quiescenti” Menez, Balotelli, Boateng e Adriano, scalpitanti e pronti a sfruttare un’occasione. Sinisa, non ne dubitiamo, per ora dorme sonni tranquilli.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy