Gigio, sei sempre più grande

Gigio, sei sempre più grande

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

È nell’età in cui un anno in più te lo godi. Domani ne compirà 17, a quattro mesi esatti dall’inizio della festa: l’esordio in Serie A. Strano ma vero, uguale Donnarumma. Un ragazzo gigante, non solo fisicamente, un portiere già famoso nel Milan dopo aver sfiorato l’Inter. La differenza? Il suo cuore rossonero, non i soldi, grazie al quale, adesso, stiamo assistendo ad una storia di rara bellezza.

PARARIGORI
– Dai primi grandi segnali nel vivo della scorsa estate, quando fra Real Madrid (nella tournée cinese) e Trofeo Tim si mise in mostra parando i rigori a Kroos e Berardi, alla scintilla: proprio il Sassuolo ha aperto ufficialmente la porta della carriera di “Gigetto”, così lo chiama Mihajlovic. La prova di San Siro venne superata nonostante l’errore evidente e comprensibile sul momentaneo 1-1 subito su punizione, lavato dalla fondamentale vittoria finale della squadra per il destino dell’allenatore, decisivo nel far brillare questa stella schierandolo all’improvviso al posto di Diego Lopez. E come dargli torto. Diciotto le presenze stagionali in campionato, piene di significato: i miracoli contro Atalanta, Roma e Udinese, la maglia scambiata in casa del mito Buffon, il derby da protagonista conquistato senza subire gol.

MODIGLIANI A VITA? – Simbolo del vivaio milanista e italiano (nel giro della Nazionale Under 21), la perfezione stando alla volontà di Berlusconi che, per l’avvenire, vuole disegnare una rosa fondata su queste caratteristiche. Gli auguri del presidente sono arrivati in anticipo e basterebbero, fidandosi, a tranquillizzare i tifosi sul mercato: “Non ci lascerà, qualunque offerta dovesse arrivare. E sarà il nostro numero uno per il prossimo ventennio“. Attenzione, però. Perché Mino Raiola resta una variabile impazzita e ad ogni sessione probabilmente si soffriranno le sirene delle top del mondo. Soprattutto del Barcellona e dei suoi emissari, recentemente a Milano con una presunta offerta da 30 milioni, tuttavia lontana dalle indicazioni dell’agente: “Lo paragono a un Modigliani, vale 170 milioni”. E pensare che nel 2013 costò 250mila euro.

META TORINO – Speciale la gara di lunedì a Napoli per uno nato a Castellammare di Stabia: la famiglia era presente allo stadio, poco distante dal San Paolo. Esame superato, nonostante il gol subito. Importante il match di sabato col Torino, che sostanzialmente segnerà un girone intero di prestazioni di alto livello. Testa sulle spalle, umile, esplosivo e pure coraggioso con i piedi. Orgoglio e fortuna: il regalo del Diavolo è Donnarumma stesso.

(Fonte: Daniele Mariani per Mi-Tomorrow)

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy