Lavagna tattica: il Torino di Ventura

Lavagna tattica: il Torino di Ventura

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Dopo la trasferta di Napoli, una gara “ciliegina” del bel momento rossonero, il Milan torna ad affrontare una partita abbordabile. E, paradossalmente, torna a giocare una gara che, per caratteristiche, potrebbe creare più problemi del San Paolo. Perché il Torino di Ventura, al netto di una condizione fisica, psicologica e ambientale tutt’altro che eccezionale, è un avversario ostico e temibile. I risultati poco brillanti dell’ultimo periodo e i pruriti di parte della tifoseria contro il tecnico non devono ingannare: i granata sono squadra di buoni valori, con un gioco collaudato e un’identità definita, frutto di un importante lavoro lungo cinque anni. E, soprattutto, il Toro ha le caratteristiche tecnico-tattiche giuste per provare a mettere in difficoltà i ragazzi di Mihajlovic.

Eh sì perché il Diavolo, esaltante e sorprendente contro squadre aperte e “quotate”, ha steccato contro avversari di caratura inferiore. E anche Ventura, con il suo Torino, è destinato a mettere in difficoltà i rossoneri. I capisaldi del tecnico genovese sono la ricerca ossessiva del gioco palla a terra (buttare il pallone, anche dal portiere, è vietatissimo) ma lo schieramento tattico sarà il più adatto a non concedere spazi. Il 3-5-2 granata, con il collaudato trio centrale Maksimovic-Glik-Moretti e i vigorosi esterni Zappacosta e Peres, starà basso cercando di non lasciare campo ai velocisti rossoneri. In particolare, per Bacca e Niang potrà essere sulla carta una gara non semplicissima per la mancanza di campo da “aggredire”. Sarà cruciale, per aiutare e assistere le punte, il lavoro dei palleggiatori in mediana: Bertolacci, Honda e Bonaventura dovranno essere bravi ad apparecchiare per Bacca e Niang, giocoforza in difficoltà per le poche chance a campo aperto che avranno a disposizione.

Oltre al tema tattico, però, c’è il rovescio della medaglia a favore del Milan. I ragazzi di Mihajlovic sono in un vero e proprio stato di grazia dal punto di vista fisico e mentale: una condizione maturata a suon di punti e prestazioni maiuscole. Imporre il proprio gioco, dopo settimane di crescita esponenziale, potrebbe essere più semplice rispetto a quanto accaduto nel recente passato: tra le brutte gare contro Carpi, Verona e Bologna e oggi ci sono un’autostima, una consapevolezza e una solidità mentale totalmente differente. Sarà importante vincere i duelli contro l’eterogenea mediana Acquah-Vives-Baselli (l’assenza dell’equilibratore e regista Montolivo può pesare) ed evitare cali di concentrazione contro il temibile e mobile duo d’attacco Immobile-Belotti: lo sprinter Zapata sarà chiamato a un’altra grande prova di solidità mentale. Ma, soprattutto, il Milan dovrà aggredire il match sin dal 1′ e sbloccare presto la gara: giocare in vantaggio dall’inizio porterebbe il Toro a lasciare spazi devastanti per i tanti rossoneri di “gamba” e inserimento.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy