Come se fosse sempre derby

Come se fosse sempre derby

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Un trionfo che non ha bisogno di tante parole. Quando vinci il derby 3-0, quando vinci un derby in questo modo alla fine puoi solo saltare dall’entusiasmo. Una gara che vale sempre tre punti ma che non potrà mai essere uguale alle altre, esaltante quando vinci, deprimente quando ne esci sconfitto. Era dal maggio 2014 che i rossoneri non facevano bottino pieno in una stracittadina: in panchina c’era Seedorf e la testata decisiva fu di Nigel De jong, guerriero che ha risolto consensualmente il contratto in queste ore. Sembrano passati secoli, il tifoso milanista, sempre costretto a soffocare la gioia nelle ultime sfide contro i cugini, ieri è potuto tornare a urlare tutto il suo amore per questi colori.

Una prova di orgoglio, di compattezza, la squadra ancora una volta ha dimostrato di essere con Mihajlovic: anche nei momenti più difficili della stagione non si è mai scomposta e l’esultanza di tutta la panchina ad ogni gol è la dimostrazione di una fortissima unità. Il gruppo sta remando nella stessa direzione, l’obiettivo è l’Europa League ma viste le difficoltà di Fiorentina, Inter e Roma ora sussurrare, a bassissima voce, la parola Champions non è più utopia. Trascinata dai suoi leader tecnici, Bacca e Bonaventura, dai suoi baby prodigi, Donnarumma e Romagnoli e dai protagonisti che non ti aspetti ma che ormai sono una certezza come Alex e Kucka, questa squadra può iniziare a sognare qualcosa di più di un sesto posto. Per farlo la sbornia post derby deve essere subito dimenticata, fra due giorni nell’infrasettimanale il Milan affronterà il Palermo, in un campo storicamente ostico per i colori rossoneri.

Dare continuità adesso è l’obiettivo, in questi mesi il Diavolo si è sempre fermato quando doveva salire lo scalino decisivo, è successo a novembre, dopo tre vittorie di fila quando poi arrivò il pari casalingo contro l’Atalanta e la scorsa giornata quando al Castellani contro l’Empoli è arrivato solo un 2-2 dopo la bellissima vittoria sulla Fiorentina. Con lo spirito proletario di Hateley e la fame di chi vuole tornare a scrivere pagine importanti bisognerà affrontare i prossimi mesi della stagione, i più delicati e quelli decisivi. Come se fossero tutti derby.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy