Palermo: Vazquez e Hilkemark mine vaganti, ma Jajalo e Cristante...

Palermo: Vazquez e Hilkemark mine vaganti, ma Jajalo e Cristante…

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Questa sera, in occasione del turno infrasettimanale valido per la ventitreesima giornata di campionato, il Milan fa visita al Palermo dell’accoppiata Schelotto-Tedesco. I rosanero sono una compagine ostica e scorbutica che, da due settimane, è uscita da un brutto periodo e ha iniziato a offrire prestazioni caratterizzate da grinta, solidità, compattezza, affiatamento, efficacia in entrambe le fasi e intensità. Ecco allora che gli uomini di Sinisa Mihajlovic, per uscire dal Barbera, dovranno mettere in scena una prestazione di alto livello.

Punti di forza: la fascia sinistra; Hiljemark; Vazquez.
Sulla corsia di sinistra, la formazione sicula può contare su Achraf Lazaar, laterale molto bravo in fase di spinta, abile nelle sovrapposizioni e negli uno contro uno, resistente, intraprendente, dotato di cambio di passo e preciso nell’effettuare i cross. Ma non finisce qui. In mediana, i rosanero dispongono di Oscar Hiljemark, centrocampista classe ’92, che annovera nel proprio repertorio tecnica, personalità, inventiva e dinamismo e che, se fosse in serata, potrebbe abbinare qualità e quantità e mettere in difficoltà i rossoneri con intelligenti incursioni e con giocate di alta scuola. Infine, arriviamo a Franco Vazquez, fantasista dotato di estro, senso del gioco e spirito di sacrificio, che, malgrado non disponga di rapidità e cambio di passo, qualora non fosse ben controllato e avesse molti spazi a propria disposizione, potrebbe sfornare giocate intelligenti e creare numerose palle gol.

Punti deboli: Jajalo; Cristante; Gilardino.
Eccezion fatta per Hiljemark, nella zona nevralgica del terreno di gioco, il Palermo incontra problemi. Jajalo e Cristante, che stasera dovrebbero scendere in campo dal primo minuto, evidenziano problemi riguardanti la mobilità, non hanno ancora trovato la forma migliore, non sempre sono precisi in fase di interdizione e di non possesso e, a volte, non leggono con esattezza lo sviluppo delle azioni. In questo modo, specie sul lungo andare, i rosanero potrebbero soccombere nello scontro in mediana, concedere varchi tra le linee, non riuscire a proteggere al meglio la difesa e concedere occasioni. L’altro tasto dolente della compagine di Tedesco e Schelotto potrebbe essere Alberto Gilardino. Proprio così. Nonostante non abbia ancora perso il vizio del gol, se fosse ben controllato e non venisse servito a dovere, il centravanti originario di Biella, che fatica nel tenere palla, fare salire la squadra e fare a sportellate con i centrali avversari, potrebbe evaporare e non incidere sulla partita.

Giocatore chiave: Oscar Hiljemark.
Centrocampista completo e promettente, capace di fare filtro e di mettere in circolo intelligenza, fosforo e doti balistiche, lo svedese potrebbe rappresentare l’arma in più a disposizione dei rosanero e potrebbe costituire il fulcro del gioco del Palermo. Nel caso in cui entrasse bene in partita, grazie alle sue doti da leader e alla sua classe, potrebbe creare grattacapi ai rossoneri. Guai a sottovalutarlo. Provare per credere.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy