Milan, 37 gol con la valigia: l'attacco è sul mercato

Milan, 37 gol con la valigia: l’attacco è sul mercato

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

A questo punto la permanenza di Bacca, che dalla Copa America non smette di insistere nella sua perplessità rossonera, è incerta quanto il futuro della panchina: Brocchi o un nome nuovo (Giampaolo e Pellegrini i più chiacchierati)? Carlos non lo sa, come nessuno dato il periodo societario, e intanto valuta le offerte: soprattutto dalla Premier.

In Inghilterra potrebbe finire anche Niang, per il quale piovono proposte. Leicester in pole, riferisce La Gazzetta dello Sport, che dopo il serio tentativo dello scorso gennaio dta per ritornare alla carica. Leggermente defilati Everton e West Ham, pronte – guarda a caso – proprio in caso naufraghi il progetto legato al colombiano. Con Balotelli già rispedito al Liverpool e Luiz Adriano in stand-by, l’attacco del Milan rischia di perdere tutti i suoi uomini, in particolare 37 gol e cioè il bottino dal poker di punte nella stagione da poco terminata. Poi, Matri-Cerci da (ri)piazzare e Boateng-Menez in sospeso. Regna sovrana l’incertezza, la stessa che avvolge la cessione della maggioranza ai cinesi anche se si parla di firma del preliminare vicina dopo il viaggio di Sal Galatioto in Italia.

menezSe l’esodo diventasse realtà, servirebbero tanti acquisti nel reparto offensivo. In cima alla lista c’è Vazquez: già avviati i contatti con Palermo e agente, ma Zamparini chiede sempre 25 milioni; attenzione alla Roma, che senza Pjanic possiede il tesoretto giusto per il colpaccio. A livello di bomber, invece, la pista più calda porta a Pavoletti (14 gol in 25 presenze nella Serie 2015/2016), ma prima Berlusconi deve fare chiarezza sul progetto.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy