Tra voglia di riscatto, infortuni e mercato, Bertolacci può tornare utile

bertolacci (spaziomilan)
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

bertolacci 2 milan-udinese (spaziomilan)Una stagione intera passata con l’etichetta di flop del calciomercato estivo e quella conseguente di “bidone” acquisita oltre i propri demeriti calcistici. Ogni volta che qualcuno doveva ironizzare sull’operato del Milan, ma soprattutto di Adriano Galliani sul mercato, si prendeva come esempio il suo acquisto per citare ad esempio una campagna acquisti sbagliata. Andrea Bertolacci, arrivato nella scorsa estate dalla Roma per circa 20 milioni di euro, ha pagato tutto questo, ma ci ha messo anche del suo, oltre alla sfortuna dei tanti guai fisici, per non far ricredere nessuno, tifosi milanisti in primis. Nella vita in generale e nel calcio in particolare, però, tutti hanno una seconda possibilità e il centrocampista del Milan è chiamato al riscatto nella stagione appena cominciata.

Dalla sua parte ci sono un paio di elementi. Il gioco del neo allenatore Vincenzo Montella potrebbe aiutarlo ed il fatto che peggio dell’anno scorso difficilmente possa fare. Le premesse però erano ottime e lo chiamavano a rispondere in campo. La prima stagionale di Bertolacci, però, è stata tutt’altro che da ricordare e gli ha regalato un infortunio dopo appena cinque minuti dal suo ingresso in campo. Un guaio muscolare che lo terrà lontano dai campi di gioco per 15-20 giorni e che di certo non aiuta, anche dal punto di vista psicologico, l’ex Genoa e Lecce nell’opera di un nuovo inizio. Il centrocampista romano, inoltre, doveva riprendersi il posto visto che pronti, via Montella gli aveva preferito Bonaventura nella posizione di mezzala, ad andare a completare un reparto composto già da Riccardo Montolivo e Juraj Kucka.

Ora, quest’infortunio lo terrà lontano dai campi per qualche tempo e gli farà perdere del tempo utile nel riconquistare la fiducia di allenatore e tifosi. Bertolacci, però, avrà un’ansia in meno durante la convalescenza. Il mercato a ribasso ed al risparmio del Milan, infatti, non gli ha messo davanti dei fenomeni nel suo ruolo. Oltre ai già citati Montolivo, Kucka e Bonaventura, che come mezzala è un adattato e potrebbe presto tornare a giocare nei tre davanti, infatti, sono arrivati due centrocampisti come Sosa e Pasalic (ufficializzato proprio nelle ultime ore) che non rappresentano top player contro cui sarà difficile avere la meglio. Bertolacci continuerà, al momento del suo rientro, ad essere un’opzione importante per Montella ed avrà tutto il tempo per dimostrare a tutti di poter essere un calciatore da Milan.