Quando non si pensa al futuro. Josè Mauri a Empoli mossa maldestra

jose mauri (spaziomilan)
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Ulteriore critica negativa a questo mercato rossonero in arrivo. Se in entrata abbiamo lasciato agli altri i colpi sensazionali, in uscita abbiamo fatto quanto dovuto con alcuni giocatori, mentre con altri le vicende sono da aggiornare. L’importante al momento sembra non perdere i tesori che ci sono in rosa, da quelli ormai brillanti come Romagnoli, Donnarumma e altri, a quelli più grezzi ma che in prospettiva possono dire la loro.

Uno di questi è Josè Mauri. Il centrocampista italo-argentino è ormai ad un passo dal lasciare il Milan in direzione Empoli. In rossonero ha davvero giocato troppo poco: data l’età, è un classe ’96, non ha guadagnato la fiducia di Mihajlovic prima e di Montella adesso, con il breve intervallo di Brocchi dove lo si è visto scendere in campo per qualche spezzone. Certo non un impatto strepitoso ma per la giovane età e per il ruolo non appariscente (è un centrocampista di quantità) non doveva certo essere l’uomo dei fuochi d’artificio.

José Mauri_3Il rammarico sta principalmente nella formula con cui il ragazzo approda alla squadra toscana: prestito con diritto di riscatto. In sostanza qualora facesse bene in una piazza capace di far esaltare le qualità dei giovani, Josè Mauri diventerebbe un tesoretto per l’Empoli; d’altro canto se dovesse fallire tornerebbe a Milanello ancor più svalutato. La sensazione è che il Milan davvero non voglia puntare sul ragazzo nemmeno per il futuro, anche se, per quel poco che l’abbiamo potuto osservare, non è sembrato peggio di altri.