Dal tocco al tackle, Montella è cambiato: il suo Milan non assomiglia in nulla alla Fiorentina. I numeri

Dal tocco al tackle, Montella è cambiato: il suo Milan non assomiglia in nulla alla Fiorentina. I numeri


Vincenzo Montella è cambiato. Arrivato a Milanello come l’allenatore del possesso e del bel giuoco tanto caro a Silvio Berlusconi, ha provato ma poi ha capito che il materiale non era adatto, adattandosi saggiamente alla squadra. Se un appassionato avesse staccato con il calcio a giugno 2015 per riapparire a settembre 2016, analizza La Gazzetta dello Sport, non riconoscerebbe nel Milan la mano dell’Aeroplanino.

La Fiorentina masticava pallone nella metà campo degli avversari e viveva di palleggiatori. Probabilmente la linea di centrocampo ideale del tecnico veniva proprio rappresentata da Borja Valero-Pizarro-Aquilani, nessuno dei quali vincerebbe a braccio di ferro con un medianaccio di terza categoria ma ognuno dei quali con i piedi sa fare grandi cose. Qualche difficoltà in fase difensiva, però evidenti benefici in attacco. La Fiorentina metteva insieme 506 passaggi a partita e aveva il baricentro a 53 metri, i rossoneri non possono permettersi lo stesso e così si limitano a scegliere i momenti in cui giocare la sfera: il baricentro è sceso a 49, i passaggi si riducono fino a 421. Un altro mondo. La Fiorentina sembrava un piccolo Barcellona, per esempio provando sempre e subito a recuperare (a 36 metri di media) in fase offensiva. Invece il Diavolo non si vergogna di aspettare, chiedendo a Niang e Suso un grosso lavoro in copertura. Così Montella ha eliminato tanti pericoli: non si vedono quasi mai i terzini alti né avversari che riescono a puntare in velocità Romagnoli e Paletta; i numeri sul fuorigioco confermano: al Franchi linea a 29.6 metri, a San Siro a 22.4. Regge, poi, il paragone sui gol, dunque nonostante gli schemi diversi i risultati arrivano lo stesso.

milan-pescara-jack-gol-smNettamente differente il possesso, passato dal 57% al 49%. Basta guardare le gare: Niang accelera come Cuadrado ma non è uguale, Bacca non dà il meglio di sé a difesa schierata e in generale si vedono dribbling, cross e giocate in attacco di parecchio ridotte. Il Milan arriva meno in area, le prime soluzioni di Suso e Niang non sono i cross ma il puntare l’uomo e concludere, però finalizza comunque bene. Non sono modificati gli allenamenti, brevi e con poche spiegazioni sulle decisioni tecniche, i calci piazzati non sono più garanzia di successo (a Firenze c’era il famoso Vio) e Locatelli regista è un’idea interessante. È modificato l’aspetto fisico, perché questo Milan si fa sentire maggiormente in campo.

Chi Siamo

Spazio Milan è un giornale online in cui troverai sempre le ultimissime news sull'AC Milan, foto, calciomercato, video, magazine, informazioni utili, prezzi dei biglietti e orari di mezzi di trasporto per San Siro.

Nuovevoci

Appendice sportiva della testata giornalistica "Nuovevoci" - Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Direttore editoriale "SpazioMilan.it": Christian Pradelli

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale e non autorizzata da AC Milan

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Copyright © 2015 Cierre Media Srl

Preferenze privacy