Più di Sosa e Poli ma meno di Mati Fernandez: Pasalic, lo spazio rimane ridotto

Più di Sosa e Poli ma meno di Mati Fernandez: Pasalic, lo spazio rimane ridotto


Domenica pomeriggio. Il Milan sta conducendo per 1-0 contro il Pescara. Siamo nel secondo tempo e la partita è ancora apertissima a ogni risultato. Gli ospiti attaccano a testa bassa alla ricerca del pari, mentre i rossoneri passano troppo tempo a specchiarsi senza chiudere il match. Improvvisamente al 17′ della ripresa si alza la lavagnetta luminosa per annunciare il primo cambio chiamato da Vincenzo Montella. Dalla panchina milanista si alza un ragazzotto biondo, alto e magro. Indossa la maglia numero 80, la stessa che fu di Ronaldinho. Lui è Mario Pasalic e finalmente può fare il suo esordio in Serie A.

Smaltiti i guai fisici e superati gli ostacoli del suo ambientamento in Italia, ecco dunque il momento di Pasalic, che fin qui aveva assaggiato il campo soltanto nell’amichevole di inizio settembre contro il Bornemouth. In Milan-Pescara il croato ha giocato circa 30′, una buona mezzora in cui ha sfoggiato tutto il suo repertorio. Quel bagaglio di classe e tecnica che in passato gli aveva fatto guadagnare l’etichetta pesantissima eccessiva e (fin qui) non mantenuta di “nuovo Modric”. Pur a sprazzi, Pasalic ha impressionato per l’interessante mix di qualità e quantità. Merce rara dalle parti di Milanello.

Insomma, il messaggio è chiaro: Pasalic è finalmente abile e arruolabile. Ma quanto spazio troverà nelle prossime partite? Dura la vita per un ragazzo finalmente pronto a stupire, ma di fatto chiuso da un trio titolare pressoché inamovibile. La mediana rossonera è chiusa a tre mandate: Bonaventura-Locatelli-Kucka. Un jolly tuttofare, un baby regista dai numeri impressionanti e un recupera palloni grinta e corsa. Pasalic è in forma, come detto è un mediano dalle caratteristiche particolari, ha numeri in importanti ma rischia seriamente di ricoprire il ruolo di seconda scelta.

14859601_10154648019812389_1288093625_oNelle prossime settimane dovrebbero poi rientrare Mati Fernandez, vecchio pupillo di Montella fortemente voluto dal tecnico milanista, e Bertolacci, un’investimento pagato dal Milan una ventina di milioni di euro. Per il momento Pasalic ha scalato le gerarchie superando in graduatoria Poli e Sosa, ma è ancora lontano dai titolarissimi. Il centrocampista, che ricordiamo essere in Italia in prestito secco dal Chelsea, tornerà alla base al termine della stagione. Quindi, detto in modo cinico, che trascorra le prossime giornate in panchina o in campo, magari segnando due gol a partita, al Milan cambia poco. Certo, i rossoneri hanno capito di poter contare su Pasalic. Magari già domenica a Palermo il giocatore potrebbe collezionare altri minuti di gioco. E chissà che minuto dopo minuto Pasalic non riesca a sovvertire definitivamente le gerarchie. Il Milan se lo augura, senza aver però niente da perdere.

(Foto in evidenza: AcMilan.com)

Twitter: @Fede0fede

Chi Siamo

Spazio Milan è un giornale online in cui troverai sempre le ultimissime news sull'AC Milan, foto, calciomercato, video, magazine, informazioni utili, prezzi dei biglietti e orari di mezzi di trasporto per San Siro.

Nuovevoci

Appendice sportiva della testata giornalistica "Nuovevoci" - Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Direttore editoriale "SpazioMilan.it": Christian Pradelli

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale e non autorizzata da AC Milan

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Copyright © 2015 Cierre Media Srl

Preferenze privacy