Dopo la caparra più ottimismo sull'asse Milano-Pechino. Senza autorizzazioni i cinesi hanno pronto il piano B