Galliani: "A gennaio faremo un mercato a zero, il mancato arrivo di Tevez è il mio più grande rammarico. Venerdì mi attacco al gioco"

Galliani: “A gennaio faremo un mercato a zero, il mancato arrivo di Tevez è il mio più grande rammarico. Venerdì mi attacco al gioco”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Adriano Galliani, amministratore delegato del Milan, ha parlato della situazione rossonera ai microfoni di Telelombardia:Sto bene, sono in attesa di partire per Doha. C’è stato sempre un bell’asse con la Juve, nella vita, nei rapporti interpersonali, ci sono sempre gli alti e i bassi, e ora siamo tornati agli alti. Cosa farò nel 2017? Non lo so. Vado avanti a fare l’amministratore delegato rossonero e, quando la proprietà del Milan non sarà più di Fininvest, me ne andrò e deciderò cosa fare. Il Monza? Mi è sempre rimasto nel cuore, non lo dimentico“.

Sulle decisioni in condivisione con i cinesi: “Quanto può andare avanti un club, con le decisioni da condividere con un’altra proprietà? E’ difficile fare coincidere le idee. Faremo un mercato a zero, bisogna vendere, prima di comprare, ma la situazione è complessa. Bisogna trovare un accordo con la società acquirente, poi con il giocatore e, infine, con i cinesi. Dopodiché, se arrivasse il sì dei cinesi, potrei comprare un giocatore, ma la trattativa sarebbe lunghissima. Lascio agli ascoltatori le conclusioni. Rimarremo fermi, a gennaio, andremo avanti, al 99%, con i giocatori che abbiamo. Tutti pensavamo ci fosse il closing entro il 13 dicembre, ma non drammatizziamo. Non c’è niente di male, è complesso, ma possiamo andare avanti così. Chi fa parte dei venditori, parla degli acquirenti. Credo che ogni azionista abbia diritto e dovere di nominare i propri amministratori. Io sono lì grazie a Berlusconi, a febbraio, saranno 31 anni. E’ giusto che i compratori scelgano gli amministratori. Ciascuno di noi viene scelto da qualcun altro: io sono stato scelto da Silvio Berlusconi, azionista di controllo“. Galliani SM

E ancora: “Se il mio più grande rimpianto sia il mancato arrivo di Tevez? Sì, è il mio più grande rimpianto. Credo che Tevez abbia fatto lo spartiacque tra Milan e Juve. La fortuna o la sfortuna del calcio è che non ci sono controprove. Ho un buon rapporto con Kia e Tevez, ma l’operazione non è andata in porto. A cosa mi attacco venerdì? Mi attacco al gioco. Il 9 aprile abbiamo giocato al loro livello, ricordo la parata di Buffon su Balotelli. Poi, giochiamo la finale di Coppa Italia, perdiamo di un nulla e giochiamo alla pari della Juventus. Il 22 ottobre battiamo la Juve, ma giocando alla pari. Quando dico che non ci hanno mai messo sotto, parlo del gioco, so anch’io che i risultati sono questi. Nel 2016, abbiamo perso due volte e vinto una volta, contro la Juve, ma, per me, sono tre pareggi, dal punto di vista del gioco. La mia speranza è giocare alla pari, come le ultime tre volte, e spero che finisca come è finita in autunno”.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy