Milan, è mancato "solo" il gol: lo 0-0 non annoia, ma fa male alla classifica

Milan, è mancato “solo” il gol: lo 0-0 non annoia, ma fa male alla classifica

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Bisogna accontentarsi del baby spettacolo, dei tanti talenti in campo cresciuti con le stesse maglie addosso (11 i prodotti in totale, compresi quelli in panchina), perché gol non ce ne sono stati, grandi giocate poche anche se un andazzo brillante e buone idee si sono viste come sempre. Milan e Atalanta non si fanno male e non danno lo strappo alla classifica, ma il più deluso è il Milan: potrebbe non chiudere l’anno al terzo posto, pressato dai possibili sorpassi di Napoli e Lazio. Poco male, scrive La Gazzetta dello Sport, in quanto l’avvenire sorride lo stesso grazie al lavoro sui giovani e alle loro risposte. Va bene così, al tempo dei cinesi.

La manovra rossonera, efficace e generosa, non è stata supportata dalle occasioni, nonostante il clamoroso palo di Antonelli; e poi ci sono stati due salvataggi – non proprio miracolosi – di Caldara e Conti vicino alla linea di porta. Ecco il difetto: il Diavolo, fra le squadre che stanno in alto, è quella che fa più fatica a segnare. Ma i nerazzurri sono avversario tosto in difesa, che sa picchiare (28 falli) e ben organizzato. Il primo round l’ha vinto Montella: bene lo sprint iniziale, merito soprattutto di Bonaventura recuperato e della scelta di Antonelli, magari meno attento di De Sciglio in fase di ripiego ma ha la mente più lucida quando parte all’avventura. La forza di Abate, l’attenzione di Paletta e un sontuoso Romagnoli non concedevano nulla a Petagna e al Papu Gomez, però i bergamaschi si sono fatti comunque valere senza rischiare granché; eccetto quell’incursione, fermata solo dal legno, a ridosso dell’intervallo. La musica è cambiata nella ripresa, quando il Milan ha preso decisamente il pallino del gioco in mano mentre l’Atalanta calava fisicamente – soprattutto a centrocampo – e perdeva Masiello.

montella-donnarummaE allora ecco le chance mancate. Sportiello è stato salvato per due volte dai compagni su dei tentativi di Lapadula, onestamente non efficacissimi. Ci hanno provato pure Jack e Bacca, tornato”vivo”, ma niente fortuna. C’era tanta, tantissima voglia di vincere, pregio che però poteva essere pagato a carissimo prezzo in alcuni contropiedi subiti – e falliti – nel finale. Sarebbe stata una vera beffa. Ora sotto con la Supercoppa di Doha.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy