La carica di Montella: "Battere la Juve sarebbe una bella storia per tutti noi, dovremo dare più del 100%. Berlusconi ne capisce, ma..."

La carica di Montella: “Battere la Juve sarebbe una bella storia per tutti noi, dovremo dare più del 100%. Berlusconi ne capisce, ma…”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Dopo un match di campionato così e così contro l’Atalanta, è entrata nel vivo la marcia di avvicinamento del Milan alla grande sfida di venerdì a Doha, dove i rossoneri incontreranno la Juventus campione d’Italia e capolista in campionato per la finale di Supercoppa Italiana. Questa mattina, il tecnico del Milan Vincenzo Montella, ha parlato a Tuttosport e La Stampa del match contro i bianconeri:Credo sia dal 1996 con la Sampdoria che affronto la Juventus. Sono stato in piazza in cui la rivalità è fortissima come Roma e Firenze, ma odio è una parola grossa: vincono più degli altri, è logico che tutti vogliano batterla, altro che scansarsi. Vincere sarebbe una bella storia, per Berlusconi, per la storia, ma anche per me e per questo gruppo“.

Ma come si sconfigge una corazzata come quella di Massimiliano Allegri? “Abbiamo già battuto la Juve, ma è una squadra costruita per vincere la Champions. Sarà una Juve diversa da quella che abbiamo incontrato, ma non vi dico come cambierò il Milan. Voglio vedere l’atteggiamento giusto: non basta dare il 90%, bensì il 100 o anche di più. E poi un pizzico di fortuna. Quanto a valori in campo toccherà a noi osare un po’ di più e giocare la partita della vita”.

Per l’allenatore di Pomigliano d’Arco sarà la terza finale nella sua carriera da allenatore. I precedenti non sono molto favorevoli, ma l’Aeroplanino vuole invertire la rotta e volare finalmente alto: “Con i giovanissimi venni sconfitto proprio dal Milan con la mia Roma. Poi la finale di Coppa Italia tragica Fiorentina-Napoli, successe di tutto. La mia squadra in campionato ha già giocato diverse partite come fossero finali, per esempio a Roma la mentalità era quella. Berlusconi? Ci capisce, alcuni suoi consigli sono molto buoni. Ma la quotidianità ce l’ho io, quindi ascolto ma valuto nell’interezza. Sul rigorista non ho deciso, può darsi che ce ne servano cinque a Doha, non solo uno”

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy