Il primo per Montella, l'ultimo per Berlusconi: Milan, con la Juve te la puoi giocare perchè non hai niente da perdere

Il primo per Montella, l’ultimo per Berlusconi: Milan, con la Juve te la puoi giocare perchè non hai niente da perdere

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Eccoci, il 23 dicembre finalmente è arrivato: questa sera alle 19.30 ora locale (le 17.30 in Italia), Milan e Juventus si affronteranno allo Stadio Jassin Bin Hamad di Doha per contendersi la vittoria della Supercoppa Italiana, che i rossoneri hanno conquistato il diritto di giocarsi grazie al raggiungimento della finale di Coppa Italia, persa lo scorso maggio proprio contro la Juve grazie ad un gol di Morata nel secondo tempo supplementare.

Trofeo speciale soprattutto per Silvio Berlusconi e Vincenzo Montella: come ricorda, infatti, l’edizione questa mattina in edicola de Il Corriere della Sera, per il patron rossonero questo potrebbe essere anche l’ultima coppa vinta nella sua epopea da deus ex machina iniziata oltre trent’anni fa. Sarebbe il 29esimo trofeo per il Cavaliere, che, a meno di clamorosi colpi di scena, entro marzo cederà il club ai cinesi. Obiettivo fondamentale anche per Montella, che nella sua carriera da allenatore ha perso entrambe le finali disputate, quella dello Scudetto Giovanissimi con la Roma e, ancor più importante, quella della Coppa Italia sulla panchina della Fiorentina a beneficio del Napoli.

montella-sm

Come si batte la corazzata bianconera? Di certo la maggior parte dei giocatori del Milan ha pochissima esperienza riguardo le finali, ma l’Aeroplanino ieri in conferenza ha detto che un po’ di sana incoscienza potrebbe essere un’arma in più. I rossoneri, infatti, nettamente sfavoriti sulla carta, non hanno nulla da perdere e il precedente in campionato fa ben sperare.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy