Suso: "Credo che per il rinnovo non ci sarà alcun problema. La vittoria con la Juventus profuma di gloria. Bacca mi ha detto che resta"

Suso: “Credo che per il rinnovo non ci sarà alcun problema. La vittoria con la Juventus profuma di gloria. Bacca mi ha detto che resta”


Il quotidiano spagnolo Marca esce questa mattina in edicola con una lunga intervista al fantasista del Milan Suso, che ha innanzitutto parlato della stagione attuale con la maglia rossonera: “Me la sarei immaginata? No, non proprio. Ma non si sa mai, il calcio dipende da molte cose: ad esempio, se ci fosse stato un altro tecnico magari non sarebbe andata così. Quel che sapevo è che l’ultima partita, con la Juventus, era un’occasione d’oro per vincere un trofeo. E’ andata per il meglio: abbiamo già vinto due volte contro la Juve, in campionato e in Supercoppa. E’ vero che a San Siro la partita è stata più equilibrata, ma nella Supercoppa abbiamo giocato molto meglio di loro. La stagione migliore della mia carriera? Può darsi, finora è stato soddisfacente. Bonaventura dice che sembro David Silva? Sì, me lo dice spesso: per me è un onore“.

Fondamentale è stato il prestito al Genoa: “E’ stato molto importante: in Italia la gente non mi conosceva, dopo un anno in cui a Milano avevo giocato poco. Nessuno sapeva quello che potevo essere o le mie potenzialità. In quei sei mesi si è visto che potevo giocare ad un buon livello e fare buone cose, importanti. L’ho dimostrato in quei sei mesi e in quest’inizio a Milano. Gasperini mi ha dato la fiducia. Arrivavo da un momento difficile, dove non giocavo. Ha saputo prendere il meglio da me. E’ un allenatore che lavora sodo, molto bene tatticamente. È evidente che l’impatto di un giocatore in una piccola squadra non è lo stesso di Milano. A Genova ho giocato molto bene, ma ora si parla molto di più di me perché sono in un grande. Ora ho più impatto. Ho anche notato anche che gli avversari mi hanno studiato, mi conoscono meglio. Prima non mi chiudevano su entrambi i lati o il mio marcatore non era molto aiutato dai compagni di squadra, ora sono quasi sempre raddoppiato“.

Del resto la tattica in Italia è cosa ben diversa da Liga e Premier: “Ci si allena molto: me l’avevano già detto prima di firmare con il Milan, ed è vero. Sia con Inzaghi, che con Mihajlovic, Gasperini o Montella, in generale ci sia allena molto più che in Spagna, fisicamente e tatticamente, ma soprattutto sul fisico. Non ho mai corso così tanto in vita mia come quando ero a Genova. Non avrei mai pensato si potesse lavorare così tanto a metà stagione, perchè credevo di non averne bisogno. Però evidentemente si vedono i frutti, no?“.

La prima esperienza al Milan non era stata buona, poi è cambiato… “L’allenatore: Montella mi ha visto nei mesi del Genoa, è stato l’allenatore della Sampdoria a cui ho segnato due gol nel derby. Penso che avrebbe voluto portarmi con sè. E’ un allenatore che non ha paura di puntare sui giovani, lo sta dimostrando con i fatti. E’ un tecnico “alla spagnola”, a cui piace giocare con la palla, ama avere un’idea di gioco, cerca sempre di avere il controllo della palla. Quando si è giovani e si è in una grande squadra, è più difficile, perchè ci sono meno opportunità, gli ingaggi, gli alti investimenti. Per noi giovani è faticoso, si procede a tappe. Con Montella però è il contrario, sta inserendo molto giovani, non ha paura: questa sua capacità è da apprezzare, perchè la squadra sta rispondendo“.

suso-milan-atalanta

La Supercoppa vinta contro la Juventus è stato il suo primo titolo: “Sì, è il primo titolo a livello di club, mentre con la Nazionale ho vinto un Europeo under 19. La medaglia profuma di gloria: la squadra aveva passato cinque anni senza vincere nulla, essere in grado di battere la Juve è stato meglio dell’impossibile“.

Il rapporto con Berlusconi e Galliani: “Galliani era contento. Abbiamo parlato per due settimane del rinnovo: rimangono due o tre punti da vedere, ma credo che non ci sarà nessun problema. Per ora non voglio nient’altro. Berlusconi l’ultima volta che l’ho visto è stato dopo il derby contro l’Inter, dove ho segnato due gol. E’ sceso negli spogliatoi e mi ha fatto i complimenti, dicendomi che avevo giocato molto bene. Sono contento che il presidente mi dica queste cose“.

Due compagni molto “discussi” sono Donnarumma e Bacca: “Gigio è davvero molto forte. Colpisce vedere un giocatore così giovane ma così bravo alla sua età. Ogni volta che lo vedo dico: “E’ troppo forte, f**a!”. E’ un animale. Bacca resterà fino a giugno? Credo di sì, glielo chiedo e mi dice che è molto felice, lo vedo felice, perciò dico di sì. Sappiamo però che nel calcio tutto cambia da un momento all’altro. La verità è che il meglio per noi è che non si muova“.

La conclusione è sugli obiettivi del 2017: “Innanzitutto chiedo la salute, l’assenza dagli infortuni. E dopo una qualificazione con il Milan in Champions, una chiamata dalla Nazionale. A novembre ero nei pre-convocati, ma poi non sono potuto entrare in lista. Anche solo la lettera di pre-convocazione, però, per me è stata molto importante, perchè ha dimostrato che vedevano ciò che stavo facendo e che volevano puntare su di me. Julen (Lopetegui, ndr) mi conosce dagli inizi della Nazionale: ero con lui in Under 18, 19, 20 e 21. Prima di ritirarmi vorrei giocare una finale di Champions, un Mondiale e un Europeo”.




Chi Siamo

Spazio Milan è un giornale online in cui troverai sempre le ultimissime news sull'AC Milan, foto, calciomercato, video, magazine, informazioni utili, prezzi dei biglietti e orari di mezzi di trasporto per San Siro.

Nuovevoci

Appendice sportiva della testata giornalistica "Nuovevoci" - Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Direttore editoriale "SpazioMilan.it": Christian Pradelli

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale e non autorizzata da AC Milan

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Copyright © 2015 Cierre Media Srl