Sei qui: Home » News » CONFERENZA STAMPA/ Montella: “Peccato l’espulsione di Locatelli, un’ingenuità. Ho bisogno di più tempo, ma faremo grandi cose. Su Deulofeu…”

CONFERENZA STAMPA/ Montella: “Peccato l’espulsione di Locatelli, un’ingenuità. Ho bisogno di più tempo, ma faremo grandi cose. Su Deulofeu…”

Dai nostri inviati: Christian Pradelli, Daniele Mariani, Piermaurizio Di Rienzo

Queste le dichiarazioni di Vincenzo Montella in conferenza stampa, al termine di Juventus-Milan.

Le difficoltà del primo tempo: “Bisogna anche guardare gli avversari. Oggi come sabato, è merito degli avversari: hanno sbloccato la gara con due grandissimi giocate. Molto abili loro a bloccare ogni nostra fonte di gioco, siamo stati poco veloci e nel secondo tempo, mai disunendoci, siamo venuti fuori nonostante il doppio svantaggio e l’espulsione. Peccato per l’ingenuità di Locatelli, sarebbe uscito un finale più elettrizzante“.

Invertire gli esterni: “Può essere un’idea, ma sono giocatori che riescono a dribblare in ogni modo“.

La cessione di Niang al Watford: “Non conosco le novità odierne, ma nei giorni scorsi siamo stati molto chiari. Ha potenzialità e conosce la nostra considerazione nei suoi confronti. Vediamo gli sviluppi e poi valuteremo“.

L’obiettivo stagionale: “Molto semplice, noi dobbiamo pensare solo alla prossima partita. Vorremmo andare in Europa, ma lo spirito deve essere sempre il migliore“.

La formazione della Juventus: “Hanno dimostrato di saper vincere in ogni modo, me li aspettavo così“.

LEGGI ANCHE:  Galliani: "Io e Berlusconi lo avremmo voluto al Milan!": il retroscena sull'allenatore

Honda centrocampista: “Avevo bisogno di un ragazzo di qualità per non perdere l’equilibrio, così ho scelto lui“.

Impressione su Deulofeu: “Eravamo in dieci, ci tenevano bassi con un uomo in più. Non potevamo fraseggiare e l’unica nostra alternativa era sfruttare la sua velocità, ecco perchè non ho messo Lapadula. Peccato, ci è andato vicino“.

Sui miglioramenti dei secondi tempi: “Quando riusciremo a fare 95′ in maniera continuativa, vinceremo contro tanti. Ci manca la padronanza per l’intera gara, solo allora avremo raggiunto il nostro ideale ma ci vuole tempo, molto più di 6 mesi. Non estremizziamo tutto con il risultato: loro nel primo tempo giocavano in 30 metri, era praticamente impossibile trovare lo spazio e siamo stati puniti due volte in contropiede. Nella ripresa, nonostante le difficoltà, abbiamo messo in campo le nostre idee“.

Sulle tre gare contro la Juventus: “Sono sempre state gare equilibrate, in tutti e tre i casi. Questo per noi è motivo di orgoglio, deve darci condizione ulteriore per continuare sul nostro progetto. Paragone Juventus-Napoli? Fortissime entrambe, costruite con il tempo“.