Sei qui: Home » Rassegna Stampa » Deulofeu, nell’affare c’è un terzo incomodo chiamato Barcellona. Galliani anche oggi al lavoro per un prestito secco

Deulofeu, nell’affare c’è un terzo incomodo chiamato Barcellona. Galliani anche oggi al lavoro per un prestito secco

Deulofeu al Milan? Si può fare. Ma occhio al Barcellona: o meglio alle “clausole pro-Barça”. Già, perchè nella trattativa tra Milan ed Everton spunta un terzo incomodo rappresentato dai catalani. Il motivo non è che i blaugrana vogliono riportare a casa il loro canterano, o almeno non adesso, quanto piuttosto che al momento del suo trasferimento a titolo definitivo in Inghilterra inserirono la famosa clausola di “recompra”, valida fino al prossimo giugno.

Per tale motivo, dunque, l’affare Deulofeu-Milan non potrebbe che concludersi con un prestito secco, essendo impossibile inserire diritti o obblighi di riscatto per un giocatore su cui un altro club ha la prelazione. Proprio di questo hanno lungamente parlato a telefono ieri gli intermediari di Milan ed Everton, con i contatti che proseguiranno anche nella giornata odierna.

LEGGI ANCHE:  Milan-Bennacer, cambia tutto per il rinnovo: succederà settimana prossima

Lo stesso Adriano Galliani ha nuovamente predicato calma, prevedendo tempi non brevi per la definizione della trattativa. Di certo il Milan, come evidenzia l’edizione questa mattina in edicola de La Gazzetta dello Sport, si fa forte del gradimento già espresso dallo spagnolo per un trasferimento in rossonero. Gradimento che è arrivato anche dai cinesi, i quali sono d’accordo sia su un prestito secco che con diritto di riscatto, con Galliani che potrebbe entrare in contatto anche col Barcellona per discutere della prelazione blaugrana.