Milan, la Champions servirebbe per proteggere Donnarumma. Se no che rischi...

Milan, la Champions servirebbe per proteggere Donnarumma. Se no che rischi…

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Non ha ancora 18 anni, ma le parole, i complimenti, rischiano di essere già finiti. Donnarumma si è eretto a protagonista assoluto anche a Torino e se il Milan è riuscito nella mezza impresa di riacciuffare il pareggio lo deve soprattutto alle sue parate. La prodezza del rigore parato a Ljajic – il terzo in stagione, dopo quelli di Belotti e Dybala in Supercoppa – ha dato la scossa ai compagni. Una crescita costante, o meglio impressionante per uno che gioca da poco più di un anno in Serie A mostrando una naturalezza e una personalità per certi versi non umane.

Un’esplosione che, ovviamente, non è passata inosservata. Gigio non è solo il totem del nuovo Diavolo ma anche il giovane di riferimento in Nazionale. Ormai viene convocato in pianta stabile come vice-Buffon: un apprendistato fino al Mondiale 2018, aspettando di diventare il titolare teoricamente per i successivi 10-15 anni. Queste vetrine e le sue incredibili qualità stanno facendo gola in giro per il mondo e nei principali club d’Europa. Il baby-prodigio nasce milanista e vorrebbe rimanere a vita, solo che il mercato rimane materia imprevedibile e se in più ci si aggiunge la presenza di Mino Raiola come agente si capisce che l’avvenire del ragazzo va affrontato con calma, serietà e massima attenzione. Probabilmente resterà, però non c’è la certezza perché è in scadenza 2018 e solo dal 25 febbraio – quando sarà maggiorenne – si potrà discutere il rinnovo; il famoso procuratore, secondo Tuttosport, chiederà un ingaggio di 5 milioni netti per cinque anni. Ma ci sono 3 fattori ancora da considerare. Dopo il closing, se avverrà, i cinesi rispetteranno le promesse di riportare nuovamente al top la squadra? Arriveranno gli investimenti richiesti da Berlusconi e promessi da Sino-Europe affinché si ritorni una potenza del calcio, in campo e sul mercato? E poi è davvero importante ricalcare le notti di Champions, quindi qualificarsi al più presto. Difficilmente si riuscirà al primo anno di Montella, nonostante manchi il recupero col Bologna e il big-match di sabato con il Napoli, allora occhio alle sirene vicine e lontane. Donnarumma, in generale, vuole vincere giocando sempre più a grandi livelli, come normale che sia.

Occhio alla Juve, che lo ha da tempo individuato come l’erede di Buffon; un dettagli: è ottimo il feeling fra bianconeri e Raiola. Ma sono Real e Manchester United le più minacciose: a Madrid serve come il pane un vero numero 1 per sistemare la porta, Keilor Navas è bravo però ce ne sono di migliori e si avvicina ai 31 anni. Il presidente Florentino Perez nel recente passato provò a riportare (invano) in Blancos De Gea, se magari ci riuscirà a breve di conseguenza la società di Mourinho avrebbe la necessità di muoversi e le risorse per tentare il colpaccio con una mega-offerta. Nei Red Devils la scorsa estate sono arrivati Ibra, Pogba e Mkhitaryan, 3 uomini Raiola, mettendo insieme milioni su milioni. Pochi problemi, un po’ di “paura”. Il Milan deve proteggerlo.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy