Il Milan dei giovani gioca da "vecchio": squadra vera, ma per la Champions serve di più

Il Milan dei giovani gioca da “vecchio”: squadra vera, ma per la Champions serve di più

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin
Milan Kucka Bacca Suso

Harakiri Torino, il Milan ne ha approfittato ancora: non come in Coppa, anche se qui la situazione era più difficile. Alla fine il pareggio è giusto. L’ex Mihajlovic non si dà pace ripensando al colpo del ko sui piedi di Ljajic, quel rigore che già sul 2-0 poteva mettere in ghiaccio la gara alla mezzora. Solo che a Donnarumma i rigori fanno un baffo, specie se a calciarli è proprio il Toro: da Belotti all’andata, salvando la vittoria per 3-2, a Ilicic (palo), passando per la Supercoppa dove ha ipnotizzato Dybala e anche ieri, bravissimo a decidere di rimanere fermo e respingere il destro rivedibile del serbo. I rossoneri sono l’unica formazione a non aver mai subito gol dal dischetto in questo campionato. Poi via al solito schema: granata scatenati nel primo tempo e afflosciati nella ripresa, Diavolo impacciato nel primo tempo e trasformato in meglio nella ripresa.

Uno splendido paradiso la squadra di Montella, la definisce così La Gazzetta dello Sport, piena di giovani che dovrebbero puntare sull’entusiasmo e magari scoraggiarsi facilmente. Invece gioca come un “vecchio”: parte piano, anzi subisce, e non molla mai fino alla fine. Compensa l’assenza d’esperienza e di un faro in campo, un leader a suon di urla e grinta: è una squadra nel vero senso della parola. Il punto, alla classifica, serve davvero poco davanti se ne vanno, però cronaca alla mano riesce a sorridere un po’ di più il Milan. Anche se manca qualcosa per puntare fortemente al terzo posto (solo un successo nelle ultime 4 giornate). Il Torino ha lasciato il pallino in mano agli avversari, che si sa faticano comandare non tanto per il palleggio quanto per l’incapacità di accelerare e di liberare l’uomo al tiro. Moduli speculari, atteggiamento diverso. Che bella sfida, che occasioni ed emozioni, comunque.

Male i rossoneri all’inizio: Calabria soffre Iaqo Falque, Romagnoli in giornata no (espulso), Abate che causa un ingenuo rigore, Suso e Bonaventura con gli spazi chiusi. I due gol presi sono stati pure un po’ caotici e sfortunati, ma qualcosa non funzionava. Cara grazia che non è arrivato il 3-0, il momento della sveglia soprattutto di Suso il quale da lì si è accesso impensierendo Hart. Nel secondo round, il round dell’Aeroplanino, Jack si è liberato dalla morsa, lo spagnolo è salito sempre più in cattedra e Abate ha cominciato a spingere: dalla destra è nato l’1-2 di Bertolacci, grazie a un tap-in. Il 2-2 su rigore, ma realizzato dal freddissimo Bacca.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy