Tunnel senza fine, Niang ancora disastroso

Tunnel senza fine, Niang ancora disastroso

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Un’altra prova da dimenticare, un’altra partita senza spunti e senza gol. Il periodo nero di M’Baye Niang sembra non avere fine e continua senza sosta. Alla galleria degli orrori si è aggiunta un’altra pagina. Il 2017 si è aperto come si era chiuso il 2016 ed il francese del Milan sembra davvero in una parabola discendente che non accenna a risalire, nemmeno per sbaglio. Fino all’88’ di Milan-Cagliari, in realtà, questo era un discorso che avrebbe riguardato anche Carlos Bacca, ma il colombiano si è in parte salvato grazie al gol che ha regalato i tre punti al Diavolo. Per Niang, invece, non c’è alcun segnale positivo, alcun elemento di ripresa che possa far ben sperare. Il periodo è buio e non ci sono più alibi.

Eppure la partita contro i sardi era cominciata bene. Un tiro in porta pericoloso, tanta corsa e la voglia di farsi vedere per dimostrare a tutti di meritarsi la fiducia di Vincenzo Montella dopo l’esclusione totale nel corso della finale di Supercoppa italiana. Con il passare del tempo, però, la sua prestazione è andata sempre più in picchiata verticale, tra tiri completamente sballati, passaggi sbagliati e dribbling non riusciti. Dopo un intero girone e quando abbiamo raggiunto a tutti gli effetti la metà esatta di stagione, il bottino di tre gol è troppo misero per un attaccante rossonero che è stato quasi sempre impiegato da titolare. L’astinenza in zona gol ha raggiunto quasi i tre mesi e l’ultimo squillo, che tra l’altro coincide con l’ultima prestazione positiva, risale al 16 ottobre nella vittoria di Verona contro il Chievo.

Niang-MontellaDa quel momento in poi il giovane francese è stato un problema più che una soluzione. Due rigori sbagliati, tante sostituzioni e qualche esclusione. Quello che era a tutti gli effetti il valore aggiunto del Milan nei primi tre mesi, ora è l’uomo in meno, non c’è più, è sparito. La fiducia dell’allenatore, che lo ha sempre stimato e considerato importantissimo nell’economia del gioco della squadra, non manca e continua ad esserci. Anche domenica, nelle interviste del post partita, infatti, Montella ha ribadito che di lui si fida e di volerlo aspettare ancora. Il credito, però, non è infinito e Niang deve svegliarsi. Giovedì, nell’ottavo di finale di Coppa Italia contro il Torino, non ci sarà per squalifica, ma le occasioni non mancheranno e il destino è nelle sue mani.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy