Sarri suona la sveglia, il Milan torna alla realtà

Sarri suona la sveglia, il Milan torna alla realtà

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Champions addio. Il giorno dopo di Milan-Napoli, in casa rossonera, mischia delusione e rabbia. Brucia la sconfitta per 2-1 rimediata contro Hamsik e compagni, onorevole per quanto visto sul campo e tutto sommato non meritata, ma soprattutto frustra la classifica: il Diavolo ha perso il treno per il terzo posto. E stavolta, forse, in maniera irrimediabile: una vittoria nelle ultime cinque gare, sommate alla marcia spedita delle avversarie più credibili (Roma e Napoli) e all’a (Inter), spediscono i rossoneri a 6 lunghezze dal podio. E a poco importa la buona prestazione: ieri sera contava soprattutto il risultato, e questo ha premiato i partenopei. Il Napoli parte a razzo, è freddo nel portarsi subito sul 2-0 e poi impreciso nel fallire il 3-0 e nella gestione del pallone, ma non paga pegno e torna a casa con tre punti pesanti e decisivi, utili ad “ammazzare” un potenziale rivale per la Champions.

Il match, come accennato, è stato nel complesso equilibrato e con risvolti positivi anche per Montella. Milan-Napoli ha sicuramente meravigliato e soddisfatto il pubblico neutrale, grazie a due squadre messe in campo splendidamente per giocarsi e vincere la gara, ma è piaciuta anche dall’ottica rossonera: il Diavolo ha giocato ad armi pari contro un avversario di una caratura diversa per valori tecnici e organizzazione di squadra, dimostrando quella personalità e quella solidità già vista in stagione in partite complicate. Il sorprendente e traumatico inizio di gara totalmente di marca napoletana – sugli scudi il tridente Callejon-Mertens-Insigne, meravigliose l’armonia, la precisione e la pulizia del gioco di Sarri – non ha mandato al tappeto il Milan, bravo a rimanere psicologicamente in piedi e a reagire con forza al doppio vantaggio ospite. Senza tuttavia completare la rimonta: al triplice fischio è un 2-1 a testa alta, che non mortifica né disgusta soprattutto perché i berlusconiani hanno giocato per vincere e non per speculare su un avversario superiore, ma dispiace e delude.

L’analisi a freddo del match e del periodo rossonero non può che lasciare amarezza. Il Milan ha giocato bene, con coraggio e qualità, impensierendo una tra le primissime rose del campionato e la squadra con i migliori automatismi di gioco d’Italia, ma ha perso ancora dei punti sanguinosi per la propria classifica. Forse in maniera irreversibile: il Napoli può rappresentare il ko del “non ritorno”, del definitivo rientro alla realtà. Perché la serata del “Meazza” avvalora la tesi che da tempo trova spazio su queste pagine: la Champions League non può che restare un sogno proibito, velleità figlia di un incredibile inizio di stagione al cospetto di avversarie nettamente più collaudate e attrezzate sul medio-lungo periodo. L’ultimo mese di calcio ha normalizzato e rimesso il Milan sui binari e sugli obiettivi che più lo rispecchiano: la lotta per un 4°-5° posto Europa League, una bagarre affollata con Inter, Lazio, Fiorentina, Torino e forse anche l’Atalanta. E se arrivasse, sarebbe già un successo.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy