Suso, lavori forzati per il bene (e le mancanze) del Milan. Plusvalenza anche in Coppa

Suso, lavori forzati per il bene (e le mancanze) del Milan. Plusvalenza anche in Coppa

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Fosse stato per lui non avrebbe rinunciato nemmeno a quei 70’ di Marassi. Lo aveva proprio ammesso senza pudore: non era mancanza di rispetto verso i compagni, ma una sovreccitazione da impiego, quella frenesia nelle gambe e nella testa quando prendi ritmo e fiducia. Fu l’unica partenza dalla panchina di Suso, l’unica circostanza in cui Montella, con il Genoa, decise di rinunciarci perché lo vedeva in calo: non aveva torto, solo che il ko per 3-0 suonò come beffa.

La Coppa Italia, per quanto nuovamente nobilitata dalla finale che ha spinto i rossoneri a Doha, è uno di quei momenti in cui prendere un attimo fiato, invece quest’anno – per motivi diversi – ci sono giocatori che non ci riescono. Bonaventura poteva riposare con la Lazio in campionato ma i capricci alla schiena di Sosa a ridosso del match lo costrinsero a scendere in campo dal 1’ lo stesso, lo spagnolo poteva respirare stasera ma la squalifica di Niang lo obbliga agli straordinari. E così si conferma, alzando il primato, il milanista di movimento (quindi escluso Donnarumma) più usato dall’Aeroplanino: 1514’ in Serie A più gli interi 120’ di Supercoppa;  pure nelle amichevoli estive si vide quasi sempre. All’appello ne mancano solo 4 col Napoli, 20’ con la Lazio e 6’ col Chievo. Pochi spiccioli per uno che ha nello scatto e nelle incursioni l’arma migliore. La verità, sottolinea La Gazzetta dello Sport, è che il Diavolo non è in grado di privarsi di questi esterni d’attacco. Imprescindibile come Gigio, Jack e Romagnoli, cemento armato della nuova squadra. Turnover? No, “lavori forzati”, che per un calciatore sembra la condanna più dolce. Con buona pace di Honda, sparito, e nel caso anche di Deulofeu, invitato ad andare a insidiare il posto di Niang.

suso-milan-atalantaUn rinforzo in fascia dal mercato, comunque, servirebbe: per giocare gare del genere e per dare un ricambio adeguato in vista della Primavera e della prevedibile stanchezza. Per adesso Suso si sta valorizzando come nessuno, a parte Donnarumma, e va verso il rinnovo: giusto e necessario, nonostante la scadenza nel 2019, perché le big d’Europa si saranno già accorte del suo grande rendimento.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy