Berlusconi, Galliani e quello spiacevole silenzio di tomba