Gazzetta, Gattuso: "Tornerei ad indossare la maglia del Milan anche solo per cinque minuti, ce l'ho nel cuore. Sui cinesi..."

Gazzetta, Gattuso: “Tornerei ad indossare la maglia del Milan anche solo per cinque minuti, ce l’ho nel cuore. Sui cinesi…”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Gennaro Gattuso è stato intervistato dalla Gazzetta dello Sport e ha spiegato che regalo vorrebbe fare a Silvio Berlusconi dopo la fine dei suoi 31 anni da proprietario del club:

Per fare un regalo al presidente, indosserei la maglietta bianca, quella delle finali e delle grande occasioni, i pantaloncini, i parastinchi e poi via, in campo: con Paolo, Billy, Andrea, Pippo. Noi, il Milan. Per salutare Berlusconi e per vincere il derby. Il problema è che dopo cinque minuti sarei morto: ma in quei cinque minuti presserei anche gli steward e i tifosi”.

A proposito della cessione del Milan ai cinesi, Gattuso si è espresso cosi:”Suona strano. Aveva costruito una macchina perfetta. Il segreto non era solo prendere i campioni, ma aver organizzato tutto nel modo migliore. Tu dovevi pensare solo a non dimenticare le scarpe, per il resto c’era la società. Credo che avrebbe voluto riportare in alto il Milan, ma per la sua famiglia le priorità sono altre e si è dovuto adeguare”.

Inevitabile poi la domanda all’ex numero 8 del Milan sui cinesi che ora sono i nuovi proprietari del club:

“Solo il tempo darà le risposte, anche all’Inter c’era preoccupazione ma adesso sono tutti soddisfatti e si parla di progetti e acquisti importanti. Però ai cinesi una cosa voglio dirla: il Milan deve stare nel suo habitat naturale, ossia l’Europa. Non può rimanere fuori dalle coppe. Questo deve essere il primo passo. E poi si deve pianificare partendo da quanto di buono è stato fatto quest’anno grazie al lavoro di Montella. Per la prima volta dopo tanto tempo è stata seguita una strada chiara e infatti i risultati stanno arrivando”.

A proposito dello spogliatoio che negli anni d’oro del Milan era composto da grandi campioni con personalità e carisma e che purtroppo con il tempo le cose sono cambiate:

“Nel calcio ci sono pochi segreti per ottenere risultati. Uno è rappresentato dallo zoccolo duro delle squadre: valeva per noi all’epoca come per la Juve adesso. Io vedevo Maldini e Costacurta che si arrabbiavano per una partitella persa e mi adeguavo. Imparavo solo osservandoli. Al Milan il gruppo storico si è sciolto all’improvviso e così la ricostruzione è stata più difficile”.

Il derby che ricorda con più piacere: “Potrei dire le battaglie nella semifinale di Champions del 2003 o il mio assist a Kakà. Ma preferisco ricordare il rispetto che c’era tra Milan e Inter. Una grande rivalità, tanti duelli duri, ma nessuna bastardata. Sono stati anni intensi e meravigliosi. Dopo ogni vittoria se ne cercava un’altra: era la mentalità del mio Milan”.

Pronostico per il derby: “Chi perde saluta l’Europa. E quindi spero che vinca il Milan anche se l’Inter è ferita e quindi ancora più pericolosa”.

Sul sogno di allenare un giorno il Milan: “Se mi dovessero chiamare sarebbe impossibile dire no al Milan, anche perché questo club è sempre stato nel mio cuore. Da ragazzino applaudivo le loro Coppe Campioni, da uomo le ho alzate con quella maglia”

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy