Montella a Milan TV: "E' giusto che la società pensi al mercato, ma gli agenti alimentano le voci per scopi personali. A Nicola darei il premio di..."

Montella a Milan TV: “E’ giusto che la società pensi al mercato, ma gli agenti alimentano le voci per scopi personali. A Nicola darei il premio di…”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Queste le parole rilasciate da Vincenzo Montella ai microfoni di Milan TV prima dell’odierna conferenza stampa:

“Mi aspetto dai ragazzi che abbiano la volontà e il desiderio di pensare solo al presente, come a vincere la prossima partita e ad andare in Europa League. Siamo diventati un gruppo, abbiamo alzato una coppa e ci siamo tolti delle soddisfazioni. Abbiamo bisogno di timbrare questa stagione e per farlo bisogna concentrarsi. L’attenzione adesso si è spostata per il mercato, è giusto che la società pensi già al futuro ma noi dobbiamo pensare al presente. C’è la volontà di migliorare questa squadra. Poi gli agenti a volte alimentano le voci per fini personali. Domani sarà una partita difficile, il Crotone nelle ultime 4 partite ha fatto 10 punti, come la Juventus. E’ una squadra che mi piace molto perchè è sempre viva. Hanno un allenatore molto bravo, lo citerei come miglior allenatore dell’anno perchè ha creato un gruppo molto solido. Sarà una partita molto difficile ma molto importante, vale tantissimo. Dobbiamo arrivarci carichi. La squadra è molto concentrato, hanno fatto i migliori tre allenamenti dell’anno nelle ultime due settimane. Non siamo distratti. Domenica potevamo fare di più, ma vedo i miei giocatori molto convinti. In Italia le partite non sono mai semplice, c’è bisogno di concentrazione e del giusto agonismo. A livello tecnico siamo superiori, ma dobbiamo dimostrarlo. Il risultato dell’Atalanta? Dobbiamo pensare a noi, stanno facendo un campionato straordinario quindi a loro vanno i miei complimenti. Sono una squadra difficile, lo hanno dimostrato anche ieri. Se dovessimo vincere domani recuperemo due punti con ancora lo scontro diretto da giocare. Romagnoli? Ha un problemino e non è a disposizione. Ho preferito non rischiarlo. Locatelli? Credo che a 18 anni sia più difficile giocare a San Siro che fuori casa. Le misure del campo sono le stesse, non ci sarà alcun problema. Il calo? Ci siamo allenati bene, la differenza a questo punto della stagione la fa la condizione mentale. Ultimo derby di Totti? Non lo so, qualora fosse così gli auguro di segnare”.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy