Maldini: “Ho parlato con la nuova proprietà, ma avevo troppi dubbi”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Come mai non sono al Milan? Non lo so, sono stato vicino al ritorno, sia con Berlusconi, sia con i cinesi: ho parlato con la nuova proprietà ma avevo troppo dubbi sul progetto e sul ruolo proposto. Per tornare a livello di 15 anni fa serviranno investimenti enormi. PSG ? Ho parlato più volte con Nasser, ma non si è fatto niente. Vediamo, io sono pronto ad ascoltare, basta che non sia un club italiano: è normale sia così per la mia storia col Milan. Uno come Donnarumma nasce ogni 20 anni, di lui se ne parla da quando ha 12 anni: è un talento puro. Mi piace anche Belotti. Gourcuff? Non è andato bene per niente, ha iniziato bene ma non si è integrato bene. Ha avuto grandi difficoltà e non si è adattato alla nostra maniera di lavorare e vivere, senza imparare la nostra lingua. Succede che ogni tanto un giocatore che arriva da altri paesi non riesca a integrarsi con la mentalità di un grande club come il Milan“. Così Paolo Maldini, ex capitano e bandiera del Milan, intervenuto a RMC nel corso della trasmissione “Team Duga”.