CorSport, le differenze tra il primo Milan di Berlusconi e il primo Milan di Yonghong Li

Berlusconi Han Li Yonghong Li
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

L’edizione odierna del Corriere dello Sport ha sottolineato come il primo Milan di Silvio Berlusconi non riuscì a centrare l’accesso alle coppe europee. Correva l’annata 1985/1986 e il Diavolo, che cambiò proprietà il 20 febbraio 1986, concluse il campionato al settimo posto. Un po’ meglio andò durante la stagione successiva: malgrado un mercato non caratterizzato da nomi altisonanti, ma contraddistinto dagli arrivi di Giovanni Galli, Bonetti, Cimmino, Donadoni, Galderisi e Massaro, che andarono ad aggiungersi a Tassotti, Baresi, Maldini, Filippo Galli, Evani e Virdis, i rossoneri riuscirono infatti ad accedere all’edizione successiva della Coppa Uefa. Il tutto grazie allo spareggio vinto ai danni della Sampdoria, grazie a un gol di Massaro, ai supplementari. In panchina, sedeva Fabio Capello, che sostituì l’esonerato Nils Liedholm.

Il Milan di Yonghong Li, che è diventato il numero uno del club di Via Aldo Rossi alla vigilia del derby di ritorno, è invece subito riuscito a tornare in Europa, pur dovendo passare per il terzo turno preliminare di Europa League, e, sul mercato, è partito con il piede giusto. Alla corte di Vincenzo Montella, sono infatti già arrivati Musacchio, Ricardo Rodríguez, Kessie e André Silva. Il tutto mentre la finestra estiva è appena iniziata, nuovi innesti potrebbero essere dietro l’angolo e l’obiettivo dichiarato della dirigenza è chiudere il prossimo campionato tra le prime quattro.