Sei qui: Home » Copertina » Ripensaci Gigio, conviene a tutti. Perché sarebbe bene per portiere, squadra e Raiola

Ripensaci Gigio, conviene a tutti. Perché sarebbe bene per portiere, squadra e Raiola

“Ripensaci Gigio. Conviene a tutti”. Dopo la sentenza di due giorni fa si accende una lieve, clamorosa speranza: il Milan non si illude ma uno spiraglio c’è. Donnarumma è triste e Fassone si è detto pronto a trattare. La Gazzetta dello Sport in edicola oggi apre così in prima pagina. Poi spiega perché il rinnovo sarebbe bene per il portiere, per la squadra e anche per Raiola.

PERCHE’ CONVIENE AL MILAN

Il Milan ha preso atto della battuta d’arresto nel rapporto con Donnarumma. Si rende conto delle difficoltà e comprende che il dialogo con Mino Raiola va alimentato, per consentire al giocatore serenità nelle prossime mosse. Sullo sfondo c’è il tema economico, con la possibile clausola: in caso di riapertura della trattativa il club si giocherà molto.

PERCHE’ CONVIENE A GIGIO

A tutti conviene che Gigio resti una bandiera del Milan. Perché è una bella storia e la sua ascesa da luce al Milan e a tutta la Serie A. Lui ha scelto questi colori da ragazzo e i tifosi, ora scossi dal suo non al rinnovo, lo riabbraccerebbero volentieri se decidesse di riaprire il dialogo con il club. Ora Donnarumma è triste anche per questo e per la brutta aria intorno a lui. E’ importante, allora, che questo Europeo U21 lo aiuti a vivere i prossimi giorni lontano dalle polemiche. Per ritrovare anzitutto il sorriso.

LEGGI ANCHE:  Capello non ha dubbi: "Chelsea-Milan? La differenza l'ha fatta un aspetto in particolare!"

PERCHE’ CONVIENE A RAIOLA

Stavolta Raiola va controvento e lui, si sa, annusa l’aria come pochi. Il puro business porterebbe Donnarumma lontano, ma il manager sa bene che il suo assistito è uscito demoralizzato dalle ultime vicende, scosso dalle polemiche. Così non fa sconti sul piano economico, ma tiene aperta la porta al club rossonero. Del resto, un’asta può fare il suo gioco se Gigio dovesse andar via. Con la pace sarebbe ancor più soddisfatto.

fonte: La Gazzetta dello Sport