Esordio cinese con sconfitta: col Borussia poca incisività e tanti errori. Positive le prove dei nuovi

Esordio cinese con sconfitta: col Borussia poca incisività e tanti errori. Positive le prove dei nuovi

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Comincia con una sconfitta la tournée cinese del Milan. Nella prima gara dell’International Champions Cup, la squadra di Montella ha perso per 3-1 con il Borussia Dortmund, squadra del sogno Aubameyang (in campo e autore del secondo e del terzo gol dei tedeschi).

Nel primo tempo i rossoneri, con un approccio troppo timido al match, sono andati sotto di due gol nel giro di due minuti: al 16′ e al 18′ (che errore di Paletta!). Al 23′ il Milan si sveglia, con un gran gol di Bacca, che salta due uomini e batte Weidenfeller. Dopo la rete rossonera poca roba: al 45′ tutti negli spogliatoi. Nella prima frazione di gioco segnali positivi dai giocatori attualmente sul mercato: Bacca (gol e lavoro sporco) e Niang (buoni alcuni spunti). Bene anche Kessie (schierato oggi regista) e Rodriguez, di nuovo molto attivo in fase offensiva.

Nel secondo tempo Milan vivace con Calhanoglu e ancora con Bacca, ma non abbastanza da far male al Borussia. Borussia che, infatti, al 62′ trova il terzo gol e chiude la partita. Nella ripresa benissimo Kessie e due grandi giocate nel finale di Calhanoglu, che però è ancora in fase di rodaggio. Anche Borini ha fatto il suo. Nel complesso, quindi, bene tutti i nuovi.

Male la difesa, ancora da registrare, disattenta soprattutto nel primo tempo, ma non sarà quella titolare, quindi niente allarmismi.

In sostanza, sconfitta europea che non fa certamente piacere, ma che speriamo getti le basi per un ulteriore lavoro e non per critiche sterili.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy