Fair Play Finanziario, l'Uefa vuole cambiarlo: Nyon preoccupata dal "mercato aggressivo" del Milan

Fair Play Finanziario, l’Uefa vuole cambiarlo: Nyon preoccupata dal “mercato aggressivo” del Milan

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

A Nyon non piace il “mercato aggressivo” che sta facendo il Milan. E’ questo quanto riporta La Gazzetta dello Sport nella sua edizione odierna, sottolineando come la Uefa stia pensando di cambiare il Fair Play Finanziario.

Prezzi alle stelle, valutazione di Neymar che assume contorni “pazzeschi”, ma anche preoccupazione per quelle nuove proprietà che stanno aumentando il deficit, proprio come il Milan. Anche l’Uefa s’è accorta che il Fair Play Finanziario ha bisogno di un adeguamento alle nuove esigenze e subito dopo l’elezione, Ceferin, presidente dell’Uefa, ha denunciato la concentrazione di top player in poche squadre e la necessità di aumentare la competizione. Si parla di misure sportive (limiti alle rose etc.) e finanziarie (luxury tax, salary cap). A Nyon però stanno mettendo sotto la lente d’ingrandimento anche le operazioni del Milan, che ha ritirato recentemente la proposta di voluntary per ridiscutere della propria situazione a partire dall’autunno. Ma il “mercato aggressivo” dei rossoneri e l’aumento del deficit del club, di fatto “scommettendo” su eventuali successi sportivi, è proprio la condotta che la Uefa voleva eliminare con l’introduzione del Fair Play Finanziario.

In quest’ottica, a Nyon sono pervenute lamentele di altri club non contenti della libertà che il Milan ha a disposizione sul mercato.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy