GaSport, Bonucci: "Nesta il mio idolo. Fischi allo Stadium? Mi caricheranno"

GaSport, Bonucci: “Nesta il mio idolo. Fischi allo Stadium? Mi caricheranno”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Intervistato da La Gazzetta dello Sport, Leonardo Bonucci ha parlato del nuovo Milan e del passato bianconero. Le dichiarazioni:

L’IDOLO

“Nesta è stato il mio idolo quan­do sono diventato calciatore”.

BONUCCI-ROMAGNOLI COME NESTA-THIAGO SILVA

“Per suonare bene, suona be­ne. Speriamo, io mi metterò a disposizione di chi c’era già, e loro mi spiegheranno com’è il mondo Milan, che è molto diverso da quello Juve”.­

LA CHIAVE

“Vedo che al Milan c’è tanto en­tusiasmo e propensione al sa­crificio. Ecco, il segreto sta nel­la fame del gruppo. Questo club deve can­cellare momenti non proprio esaltanti, come quelli delle ulti­me stagioni, con un’annata di grande spessore. Ora occorre tro­vare le chiavi giuste per amalgamare la squa­dra”.

FINE DI UN CICLO

“La vita è fatta di cicli che si aprono e chiudono, e quando fai parte di un gruppo per sette anni speri di lasciare qualcosa di bello. Diciamo che nell’ultima parte della stagione il lega­me si è affievolito da entrambe le sponde e abbiamo deciso in accordo di allontanarci. Negli ultimi mesi si è sgretolato qualcosa. E cambiare è stata la conseguenza. Per dare il 100% io devo sentirmi impor­tante,cosa che ormai succede­va a fasi alterne. E questo non mi andava. Anche i matrimoni più belli a volte finiscono. La premessa è che alla Juve ho dato tanto e dalla Juve ho ricevuto tanto. Per me non è stata una scelta facile perché sette anni sono difficili da chiudere e da dimenticare. Ma il rapporto era arrivato alla conclusione, da parte di en­trambi non c’era più voglia di continuare insieme.Però devo dire che per come è finita, ne siamo usciti tutti bene: io, la Juve e il Milan”.

BBC

“Con i compagni ci sono stati momenti nei quali abbiamo parlato e affrontato problema­tiche.Ognuno ha il proprio ca­rattere,ma con loro ho sempre avuto grande rapporto. Nello spogliatoio non è successo nul­la di quanto è stato detto”.

CON ALLEGRI

“Con lui ho avuto un rap­porto alla luce del sole, ho gio­cato tanto e se è successo è per­ché sono stato considerato im­portante. Avere discussioni du­rante gli anni è normale, e io so­no uno diretto che dice sempre la verità. Ma con lui non ho avuto alcun tipo di pro­blema. Poi, è ov­vio che alcune si­tuazioni portano delle conseguen­ze e ognuno si prende le proprie responsabilità”.

LO SGABELLO DI OPORTO

“Pare che sia stata la cosa più eclatante,ma in realtà è solo la goccia finale. Già prima c’era­no state altre situazioni. Poi, comunque, la cosa si era ri­composta”.

FISCHI ALLO STADIUM

“Per quello che ho dato alla Ju­ve, non mi sento né un tradito­re né un mercenario. Se doves­sero fischiarmi devono sapere che, così come gli insulti che ricevevo in bianconero mi cari­cavano, sarà così anche nelca­so mi fischiassero allo Sta­dium”.

FIGLI TIFOSI DI JUVE E TORO

“Resteranno così come sono, liberi… Il più grande è un tifo­so del Toro belloconvinto, non gli si può togliere nulla di gra­nata dalla cameretta, ma ma­gari nel trasloco a Milano cam­bia fede”.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy