SM RELIVE/ #APACF Show, Fassone: “Contenti di quanto fatto, difficile fare di più”. Mirabelli: “No al colpo finale, meglio programmare”

Un saluto a tutti e grazie per aver seguito il nostro LIVE.

Chiosa finale di Mirabelli sul mancato botto finale: “Non credo agli effetti speciali dell’ultimo giorno. Avevamo già programmato le nostre cose. Non siamo da ultimo minuto né ora né per i prossimi mercati.

Mauro Suma, direttore di Milan TV e moderatore dello show, fa firmare “formalmente” una targa con il front della serata ai due ospiti.

Mirabelli sull’attaccante: “Chi ha detto che la punta da 30 goal non possa essere uno tra Kalinic, André Silva e Cutrone? Siamo contenti di tutti e tre.”

Fassone ripercorre l’ultimo giorno di mercato: “Il classico 31 agosto. Per Niang ci eravamo già sentiti alcune volte, negli ultimi giorni, col presidente Cairo ma non c’era accordo sulle cifre. Finalmente, stamattina, abbiamo trovato una soluzione interessante per tutti e due. Auguriamo a Niang tanta fortuna tranne in un paio di partite.” – E prosegue – “Era ormai troppo tardi per trovare una soluzione per dei ragazzi giovani del Genoa. Alle 23:01 e 14 sec. non siamo riusciti a chiudere un affare in uscita. Siamo uno o due in sovrannumero, ma era oggettivamente difficile fare di più.

Mirabelli su André Silva: “Sarà uno dei più grandi prospetti mondiali. Ha grandi qualità ma ha bisogno di tempo per adattarsi. La sua crescita avrà momenti positivi e negativi, ma lo faremo crescere con noi. Siamo tranquilli ad aspettarlo.

Fassone sul rinnovo di  Suso: “Il rinnovo di Suso spero non sia paragonabile a quello di Gigio. Mi auguro sarà meno tormentato. Suso è uno dei calciatori fondamentali per il nostro futuro. Gli vogliamo bene e non ci saranno problemi. Sono certo rimarrà con noi.

Mirabelli sulla mancanza di ricambi a centrocampo: “Crediamo che la rosa sia numericamente e qualitativamente a posto. Se nel cammino ci accorgeremo che mancherà qualcosa, non ci tireremo indietro.

Fassone sull’esperienza in Europa League: “Sono state partite che si sono messe in un certo modo per come sono state affrontate sul campo. Non dimentichiamo che lo Shkendjia è primo nel campionato macedone, davanti al Vardar che ha eliminato il Fenerbache dall’Europa League. L’Europa League non è la competizione del Milan, è quella di quest’anno ed è comunque importante. Si deve seguire l’esempio del Manchester United e, poi, tornare in Champions.

Mirabelli fa eco a un tifoso entusiasta per l’inizio di questa nuovo corso: “La grande soddisfazione è stata vedere 67.000 spettatori paganti con il Craiova. Oggi la grande responsabilità è quella di far mantenere questo grande entusiasmo, facendo sì che aumenti.

LEGGI ANCHE:  Maxischermo a Milano? Notizia dal presidente Fontana!

Fassone sui festeggiamenti per il mercato concluso: “Io penso che sia giusto godersi le soddisfazioni nel momento in cui ci sono. In questo momento siamo soddisfatti del lavoro fatto sul mercato. Da domani ce lo si lascia alle spalle e si va avanti.

Mirabelli sul progetto tecnico: “Abbiamo avuto le idee chiare su chi volevamo riconfermare e su chi volevamo prendere. Abbiamo fatto investimenti su giocatori giovani e forti, guardando anche al futuro.

Fassone fa, finalmente, chiarezza sui numeri del mercato del Milan, ponendo fine ai dibattiti giornalistici: “Il mercato è stato più importante del previsto. Abbiamo investito più di 230 milioni, tutti iscritti sul bilancio di quest’anno. In uscita si è chiuso tra i 50 e 60 milioni, che potrebbero, comunque, aumentare. Dodici sono i milioni che all’incirca sono stati spesi in commissioni, mentre il monte ingaggi oscilla tra i 110 e 120 milioni.

Altro quesito, questa volta rivolto a Mirabelli, da parte di un altro tifoso cinese sul possibile acquisto di un suo connazionale in futuro: “Il mercato cinese lo teniamo d’occhio, ma anche loro sanno che devono, ancora, migliorare tanto. Non è, comunque, detto che in futuro non vedremo qualche calciatore cinese al Milan, anche perché potremo inserire alcuni ragazzi nelle giovanili.

Alla domanda di un tifoso cinese, che chiede a Fassone un aneddoto di questo mercato, il CEO risonde: “Massimiliano andò a Cagliari, ad agosto dello scorso anno, a guardare una partita di Kessié.”

Mirabelli sull’approccio umano dei calciatori durante le presentazioni: “Era bello far vedere la cosa più semplice di questi eroi, che non vengono mai visti per quello che sono. Ci fa piacere che i tifosi l’abbiano apprezzato.

Apre Fassone sul mercato: “Viene da lontano e ci è piaciuto viverlo insieme ai nostri veri azionisti che sono i tifosi. Ci è piaciuto vivere con loro uno dopo l’altro gli undici acquisti. Il mercato per noi è iniziato prima dell’estate, con in testa il sogno di creare un grande Milan.”

Si inizia con un video in cui scorrono le immagini dei test fisici e delle presentazioni degli undici colpi di mercato portati a termine in questa sessione estiva.

Tra qualche minuto avrà inizio la diretta LIVE dell’#APACF Show: le 11 cose formali, che vedrà quali protagonisti il CEO dell’A.C. Milan Marco Fassone e il responsabile dell’area tecnica Massimiliano Mirabelli, e che verrà trasmesso attraverso i profili ufficiali Facebook e Youtube del club nonché su Milan TV.