Gazzetta: la storia di Sindelar, il Mozart del calcio che fece piangere l'Inter

Gazzetta: la storia di Sindelar, il Mozart del calcio che fece piangere l’Inter

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

La città di Vienna è una delle culle del patrimonio storico-culturale europeo. Negli anni trenta, nei caffè di questa splendida città, si discuteva non solo di musica classica, ma anche di calcio. E il calcio, a Vienna, scrive La Gazzetta dello Sport, aveva un nome e un cognome: Matthias Sindelar.

Era il Mozart del calcio, Sindelar, l’artista della finta. Soprannominato Cartavelina a causa del suo fisico gracile, nel 1933 trascinò l’Austria Vienna alla conquista della Mitropa Cup; una sua tripletta nella finale di ritorno permise alla sua squadra di ribaltare il risultato dell’andata e di battere l’Ambrosiana Inter.

La sua storia continuò con risvolti tragici: nel 1938, l’Austria fu annessa alla Germania nazista; le due nazionali giocarono l’ultima amichevole da “separate” al Prater e l’Austria vinse due a zero grazie ai gol di Sindelar e Sesta. Cartavelina, in quei giorni, disse no al saluto nazista e no a far parte della nazionale tedesca per disputare il Mondiale del 1938. Fu trovato morto nel 1939, ufficialmente a causa del monossido di carbonio prodotto dalla stufa. Il suo necrologio, scritto da Alfred Polgar è strappa lacrime: “Vivere e giocare a football in una città tormentata, distrutta e oppressa, avrebbe significato tradire Vienna. Ma come si può giocare a calcio così? E come si può vivere, quando la vita senza il calcio è niente?

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy