Pugno di ferro Montella e al Milan cade la prima testa: licenziato il preparatore Marra

Pugno di ferro Montella e al Milan cade la prima testa: licenziato il preparatore Marra

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Vincenzo Montella ha utilizzato uno strumento social al quale si è concesso pochissimo per prendere la prima decisione di polso della stagione rossonera: attraverso un post pubblicato su Twitter poco prima delle 19 di ieri, infatti, il tecnico del Milan ha annunciato di aver interrotto la collaborazione professionale con Emanuele Marra, preparatore atletico che lo segue dagli albori della sua carriera da allenatore. Nel messaggio si parla di un nuovo di un nuovo piano atletico stilato da Montella, che non ha trovato l’appoggio di Marra, che dunque è stato silurato.

Una decisione inaspettata, dato che, come evidenzia questa mattina La Gazzetta dello Sport, Montella e Marra hanno sempre condiviso la linea della preparazione. Marra è noto per aver introdotto una dieta vegana a Milanello, poi mitigata da Montella con l’inserimento nel menù di pesce e carne di tacchino. Marra, poi, aveva previsto l’utilizzo di nuovi metodi di recupero e l’introduzione del GPS per testare la condizione.

Come dicevamo, la scelta appare alquanto sorprendente, dato che Montella e Marra lavorano insieme dai tempi delle giovanili della Roma. Difficile ipotizzare il motivo reale, ma secondo la Rosea pare che alcuni giocatori non sopportassero certe scelte di preparazione, nonostante, al netto della bruttissima prova contro la Samp, la condizione atletica dei rossoneri non sembrasse pessima. La decisione di allontanare Marra è stata presa in autonomia, con la società che ha preso atto e appoggiato la scelta dell’Aeroplanino.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy