Questione fideiussioni, l'ad di Banca Ifis: "Per noi normale amministrazione, di queste cose ce ne occupiamo da anni"

Questione fideiussioni, l’ad di Banca Ifis: “Per noi normale amministrazione, di queste cose ce ne occupiamo da anni”

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Nelle scorse settimane erano emerse grandi (ed ingiustificate) polemiche riguardo le fideiussioni che il Milan doveva concedere a Juventus e Lazio per gli acquisti di Bonucci e Biglia. Fideiussioni che poi sono state concesse dalla Banca Ifis, come spiegato dall’amministratore delegato Giovanni Bossi a businessinsider.com: “Perché noi abbiamo rilasciato al Milan le fideiussioni e altre banche no? Beh, dovete domandarlo agli altri istituti di credito. In una operazione di questo tipo è centrale prendere rischi in maniera consapevole e noi lo abbiamo fatto. Abbiamo guardato tutta l’operazione e abbiamo deciso che ci stava perfettamente. Per noi si è trattato di normale amministrazione. Abbiamo chiuso in tempi stretti, visto che in questi casi la rapidità premia. Non è stata una cifra enorme e in ogni caso noi da quasi venti anni lavoriamo con le squadre di calcio di serie A e B. E’ un filone di cui ci siamo sempre occupati: ogni anni finanziamo e/o garantiamo fino a sei club e non per 500 mila euro ma per importi ben maggiori. Sappiamo fare le nostre valutazioni e lo abbiamo fatto anche nel caso di Bonucci e Biglia. Il nostro costo del rischio di credito è tra i più bassi del sistema mentre la qualità del credito è tra le più alte. Se è stata una passeggiata? Per noi sì, per il nostro dirigente che le ha firmate ed è interista decisamente meno“.

[wp_show_posts id="531707"]
Preferenze privacy