Qui Cina, si consolida la lotta alla corruzione

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

La Cina ha consolidato il “momento devastante” della lotta alla corruzione, avviata nel 2012 dal presidente Xi Jinping: la settima sessione plenaria del 18esimo Comitato centrale del Partito comunista (Pcc) ha esaminato il lavoro svolto dalla Commissione centrale per la Disciplina e le Ispezioni negli ultimi cinque anni rilevando i risultati raggiunti sull’applicazione della governance del Partito comunista.

Tra gli altri obiettivi centrati dall’Anticorruzione figura la messa a punto di “quadri” attivi su disciplina, ispezione e supervisione verso cui Partito e gente comune può piena fiducia. La riunione ha dato sostegno all’espulsione dal Pcc di Sun Zhengcai, ex boss del Partito di Chongqing e di altri funzionari di vertice, decisi dal Politburo. Sun, rimosso a luglio dalla carica e messo sotto indagine per corruzione, “ha ignorato le regole di condotta del Partito” e si è macchiato, tra i numerosi addebiti, di ostentazione di privilegi, nepotismo e ricerca di benefici nella nomina e selezione di funzionari.

Altre undici espulsioni, soprattutto per corruzione, sono state sostenute dalla plenaria, tra cui quelle di Huang Xingguo (ex sindaco di Tianjin), Wu Aiying (ex ministro della Giustizia) e Xiang Junbo (ex presidente della Commissione di regolamentazione assicurativa ed ex presidente della Agricultural Bank of China).

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook