GaSport, Taarabt: "Il Milan mi ha massacrato mentalmente, ma io volevo restare"

GaSport, Taarabt: “Il Milan mi ha massacrato mentalmente, ma io volevo restare”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Adel Taarabt che in rossonero ha giocato 16 presenze e 4 gol è stato intervistato da La Gazzetta dello Sport, alla vigilia di Milan-Genoa. Ecco le sue dichiarazioni:

Sull’esperienza al Milan: “Quell’esperienza mi ha massacrato mentalmente. In rossonero ho fatto bene, volevo rimanere, eravamo sul punto di firmare. Poi è arrivato Inzaghi che ha fatto altre scelte. Tornare al Qpr, dopo aver giocato in Champions, con campioni come Kakà, mi ha fatto male”.

Sul Milan attuale: “Ci sono Zapata, Montolivo e Abate. Sfidarlo resta un’emozione: con loro ho vissuto 6 mesi bellissimi, al top in un club fantastico. Ora hanno cambiato tanto e con 11 nuovi non è facile costruire la squadra, ma è importante che il Milan abbia investito molto e insegua il top. Lo è per tutto il calcio italiano”.

Sulla sua posizione in campo: “Sono più vicino alla porta, posso cercare l’assist, è la zona del campo che preferisco, dove
giocavo da ragazzino imitando il mio idolo Zidane. Lì devo partecipare alla fase difensiva solo mentalmente e non fisicamente, così resto più lucido in zona gol. Possiamo giocarcela. Io so cosa succede al Milan dopo una partita persa:se dopo 20 minuti non segnano la pressione diventa insostenibile”.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy